Piani provinciali di Protezione Civile in arrivo

 

04 piani provinciali protezione civile-2La Provincia di Ferrara, oltre al piano sul rischio idrogeologico in corso di stesura, ha già due piani di protezione civile. A questi si aggiunge quello che riguarda il rischio sismico, ancora in corso d’opera, ovvero un piano che servirà a indicare i comportamenti da adottare in caso di terremoto.

E’ in corso di aggiornamento il piano di protezione civile riguardante il rischio sismico della Provincia di Ferrara, che dopo il terremoto del maggio 2012 è stato stravolto. I tecnici della Provincia, insieme ai comuni, stanno redigendo un piano aggiornato con le nuove mappe di rischio sismico.

In parole povere, si tratta di un piano condiviso dagli enti che indicherà il comportamento da adottare da parte dei cittadini e le procedure da mettere in campo per quel che riguarda gli enti preposti alla protezione civile.

“Il piano era in via di conclusione nel 2012” ha detto l’assessore alla protezione civile della Provincia, Stefano Calderoni, “ma le scosse del

Stefano calderoni, assessore Provincia
Stefano Calderoni, assessore Provincia

20 maggio hanno cambiato tutto”. Il piano, una volta concluso, sarà poi pubblicizzato ai ferraresi: uno degli obiettivi sarà educare i cittadini ai comportamenti da adottare in caso di scosse e nelle prime fasi post-sisma.

Norme di comportamento e progetti di sicurezza erano già stati avviati con incontri e la consegna di una brochure agli studenti dell’istituto per geometri Aleotti e ai residenti di viale Krasnodar, due giorni prima la scossa di terremoto delle 4 e 04, il 18 maggio 2012.

Al piano per il rischio sismico si aggiungono quelli già completi del rischio chimico, che riguarda principalmente il petrolchimico di Ferrara, e il piano emergenza degli incendi boschivi, oltre naturalmente a quello del rischio idrogeologico in corso di definizione. La vera sfida per la Provincia però sarà la definizione di un piano che preveda un rischio combinato.

Ad esempio, se nello stesso momento i ferraresi dovranno affrontare il rischio chimico e quello sismico, come ci si deve comportare? Stare in casa per evitare contatti pericolosi con fuoriuscite di materiale nocivo o scappare dagli edifici pericolanti per le scosse? Ecco questo sarà il prossimo passo una volta definiti i piani per affrontare le emergenze.

04 piani provinciali protezione civile

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *