Piante di paulownia per la qualità dell’aria in E-R e a Ferrara – INTERVISTA

Nella vasta area che ospita il termovalorizzatore di Ferrara hanno trovato posto 200 piante di paulownia, una specie arborea a cui sono riconosciute le maggiori capacità di assimilazione di anidride carbonica e polveri sottili.

2022.02.16 - Paulownie presso il WTE di Ferrara (2) - smallÈ stato siglato, nei giorni scorsi, un protocollo d’ intesa tra la Regione Emilia-Romagna ed Herambiente per il monitoraggio degli effetti della piantumazione di alberi della specie paulownia presso termovalorizzatore che ha sede a Ferrara, ai fini di realizzare un progetto sperimentale che potrebbe rappresentare un caso pilota nell’ambito degli strumenti funzionali alle politiche di qualità dell’aria.

Oltre che all’incremento della superficie arborea nel territorio, l’iniziativa è dunque tesa alla definizione e realizzazione di uno studio volto ad accertare l’efficacia di queste piante nella mitigazione di alcuni inquinanti atmosferici. D’altra parte, la paulownia – specie caratterizzata da una crescita estremamente veloce sia della parte legnosa sia delle foglie – è stata selezionata proprio per le sue riconosciute capacità di catturare l’anidride carbonica e polveri sottili.

Nel realizzare la sperimentazione, la Regione e Herambiente potranno anche cooperare con Università ed Enti di ricerca in possesso di conoscenze ed esperienze nel campo, nonché coordinare le attività e i risultati del progetto con quelle sul monitoraggio della qualità dell’aria in ambiente urbano e periurbano condotte da altri soggetti pubblici e privati, comunque in sinergia con ARPAE.

2022.02.16 - Paulownie presso il WTE di Ferrara (1)_smallInoltre, il protocollo già prevede che, in caso di monitoraggio positivo del sistema sperimentato presso il termovalorizzatore di Ferrara, Herambiente ne valuterà l’estensione anche in altri impianti.

Sul piano pratico, Herambiente ha provveduto a alla piantumazione presso il sito di via Diana delle circa 200 piante messe a disposizione gratuitamente dall’Associazione Paulownia Piemonte, ente no profit che ha come obiettivo la promozione e la diffusione di tale specie in funzione dei relativi benefici sull’ambiente, e si è impegnata a provvedere alla loro manutenzione anche oltre la scadenza triennale del protocollo, conservandole fino alla conclusione del loro ciclo biologico.

“Abbiamo accolto con favore la proposta di avviare questa sperimentazione nel sito di Ferrara – ha detto l’Amministratore Delegato di Herambiente Andrea Ramonda – perché condividiamo su tutta la linea gli obiettivi di contrasto ai cambiamenti climatici e di miglioramento della qualità dell’aria proposti della Regione.

Inoltre, nonostante nei nostri impianti già effettuiamo numerose attività di monitoraggio – dalla sua messa in esercizio, nel 2008, tutte le campagne svolte a Ferrara hanno dimostrato l’assenza di impatti significativi sul territorio da parte del WTE – siamo sempre disponibili a sperimentare e adottare soluzioni innovative come quella oggetto di questo protocollo. O come il progetto di Biomonitoraggio ambientale “Capiamo”, attivo in diversi siti impiantistici, fra i quali il termovalorizzatore di Pozzilli in Molise, che sfrutta la capacità delle api di rilevare anche le minime presenze di inquinanti per verificare in continuo l’assenza di sostanze nocive nei pressi del termovalorizzatore locale”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.