Pillola anti-covid anche a Ferrara. Ancora giù i nuovi casi – DATI

Ferrara è la base di riferimento dell’Emilia-Romagna per la consegna da parte della Struttura Commissariale della pillola anticovid di Pfizer autorizzata nelle scorse settimane dall’Agenzia italiana del farmaco, il Paxlovid.

Al via in regione le somministrazioni, già 1.225 le confezioni consegnate, per altrettanti trattamenti. Ferrara ha a disposizione 84 confezioni.

Il farmaco si aggiunge ad altre terapie già in uso nelle strutture sanitarie, come gli antivirali Remdesivir e l’anticorpo monoclonale Sotrovimab. “Confidiamo in questa nuova terapia per i pazienti meno gravi” sottolinea l’assessore regionale alle Politiche per la Salute, Raffaele Donini. L’antivirale Paxlovid, come spiega l’Aifa, è indicato per il trattamento, per la durata di 5 giorni, di pazienti adulti con infezione recente da Sars-CoV-2 con malattia lieve-moderata, pazienti che non hanno bisogno di ossigenoterapia e con condizioni cliniche concomitanti che rappresentino specifici fattori di rischio per lo sviluppo di Covid-19 severo.

Continuano a diminuire i nuovi casi positivi in 24 ore nel ferrarese, stesso lasso di tempo in cui rimane alto il dato dei nuovi guariti. 262 nuovi casi e 1.455 nuovi guariti.

La pressione ospedaliera rimane stabile sul territorio ferrarese, diminuisce a Cona ma cresce leggermente sugli ospedali covid della provincia. 127 le persone al Sant’Anna, 73 i ricoverati al Delta e 51 a Cento. 10 i posti occupati in rianimazione covid in territorio estense.

Due i decessi, due uomini di 79 e 81 anni di Lagosanto e Ferrara.

L’aggiornamento in Emilia-Romagna registra 4.554 nuovi casi, 13.090 nuovi guariti e 8.568 casi attivi in meno. Ricoveri in calo in tutta la regione dove però si registrano 32 nuovi decessi.

Capitolo vaccini nel ferrarese, 1.508 le dosi somministrate lunedì, che hanno fatto salire a 296.122 le prime dosi totali, 282.222 le seconde dosi e 199.939 le dosi addizionali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.