Po, piogge in arrivo: “Ma situazione resta critica”

Il Po migliora nel complesso i livelli e le portate monitorati nelle stazioni posizionate lungo il fiume anche se la situazione pregressa di siccità estrema incide ancora sugli attuali equilibri e sul deficit idrico accumulato negli ultimi mesi.

E’ quanto emerge dall’Osservatorio permanente sugli utilizzi idrici che si è svolto mercoledì all’Autorità Distrettuale del Fiume Po presso il Ministero della transizione ecologica.

La portata media giornaliera, calcolata nella sezione di chiusura a Pontelagoscuro, è prossima a 525 mc/secondo contro i 370 mc/s del 7 Settembre e i 100mc/s di fine luglio.

Un miglioramento ma in in Piemonte ed in Lombardia lo scenario idrologico vede ancora quote registrate ben al di sotto della media del periodo.

L’innalzamento del livello del fiume Po avrebbe contribuito anche all’arretramento del cuneo salino nella zona del Delta, ovvero l’ingresso di acqua salata nel grande fiume che tanta preoccupazione ha destato agli agricoltori e a tutti coloro che vivono nel territorio.

“Non c’è dubbio che la criticità permane tutt’ora e non siamo ancora rientrati nella situazione normale – ha evidenziato in chiusura di Osservatorio il Segretario Generale dell’autorità, il ferrarese Alessandro Bratti secondo cui il miglioramento della situazione idrologica è stato leggerissimo.

Deficit idrico che nel mese di agosto avrebbe causato una mancata produzione di energia idroelettrica pari al 40% rispetto all’anno precedente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.