Polizia, sindacati: “Stiamo raschiando il barile”. Sigle sindacali chiedono più agenti – VIDEO

Svuotano il ‘sacco’ anche davanti al sindaco che oggi li ha ricevuti. Non ce la fanno più a celare la vera situazione in cui riversa lo stato del personale della questura di Ferrara.

E per questo, dopo il sindaco, giovedì 22 giugno, andranno dal questore e venerdì e sabato faranno anche un presidio davanti alla prefettura per gridare a gran forza che servono uomini per garantire la sicurezza della città.

Nel giorno in cui al Gad avviene l’ennesimo episodio delittuoso, due pakistani questa mattina si sono presi a coltellate, si contendevano il documento d’identità, e dunque la sicurezza in quel quartiere, ma non solo, è sempre più a rischio, tutte le sigle sindacali della polizia di stato, proprio tutte, Siulp, Sap, Ugl, Coisp. Silp e Siap dicono a gran voce “adesso basta!” perché la situazione personale è davvero diventata insostenibile. Da 255 unità Ferrara è passata a 213, riferiscono i sindacati e per questo garantire il controllo con le voltanti sta diventando sempre più difficile. E la mancanza di rinforzi e di un turn over fra il campionato di serie A e i grandi eventi, come il vicino Busker Festival rischiano di non assicurare una voltante in città. Ora infatti per coprire tutti i turni delle volanti il personale non solo resta in sevizio per nove ore ma viene prelevato anche da reparti che dovrebbero fare altro, come la Squadra Mobile o la Digos.

 

 

Avanti di questo passo, insomma,n se non arriveranno rinforzi, almeno una 20, in città non saranno più garantite le due pattuglie di controllo con i reati predatori che aumentano e gli immigrati che non si fermano con gli arrivi. Per questo, stamattina, una delegazione si è recata dal sindaco che ha assicurato loro, trovando le richieste tutte legittime, che scriverà al ministro Minniti e a Gabrielli perché si rendano conto della vera situazione che c’è nelle questure minori come Ferrara.

“Inaccettabile che l’altro giorno un agente donna di 58 anni sia dovuta salire su una pattuglia per coprire i turni” dichiara il rappresentante del Siap, Alessandro Chiarelli. “Non ce la facciamo più” gli fa da eco il rappresentante del Siulp, Stefano Parziale. “Stiamo raschiando il barile” commenta invece il Sap per voce di Luca Caprini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *