Il Ponte Morandi non c’è più, le immagini dell’esplosione riprese dalla Protezione civile – VIDEO

Ponte Genova MorandiL’esplosione è stata segnalata da tre lunghi suoni di sirena, poi mentre le telecamere fisse della Protezione civile riprendevano dal basso il momento in cui il Ponte Morandi è crollato, le pile 10 e 11, cioè ciò che restava del Ponte crollato il 14 agosto scorso sotto il peso dei veicoli, sono state demolite. Il viadotto non esiste più, i due tronconi che per quasi un anno hanno ricordato la tragedia di Genova ai genovesi, agli Italiani e al mondo, sono stati fatti esplodere, questa mattina venerdì 28 giugno, alle 9.37.
Sono bastati 6 secondi, tanto è durata l’esplosione, poi solo la polvere , guizzi bianchi di fumo che si sono sollevati con spruzzi altissimi come di fontane.
Una tonnellata di esplosivo, le macerie che sfioravano le abitazioni fatte evacuare, poi la frattura è apparsa in tutta la sua crudezza. Genova resterà divisa in due fino alla realizzazione del nuovo ponte, prevista per inizio 2020, su progetto di un grande genovese: “un progetto semplice ma duraturo” dice il suo autore, Renzo Piano. “Il nuovo ponte sarà in acciaio…” e rifletterà la bellezza di Genova “restìa, parsimoniosa e taciturna”. Per non dimenticare il tragico evento dell’agosto scorso, ci saranno 43 lampioni in omaggio alle 43 vittime del crollo del Polcevera.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *