Prefettura: servizi di contrasto a fenomeni criminali

In attuazione di quanto disposto dal Prefetto di Ferrara Michele Campanaro in sede di Riunione Tecnica di Coordinamento con le Forze di Polizia, sono state effettuate nel capoluogo estense operazioni interforze “ad alto impatto” finalizzate al contrasto dello spaccio di sostanze stupefacenti e dell’immigrazione clandestina ed al contrasto della criminalità diffusa.

I servizi straordinari interforze vengono effettuati nella Città di Ferrara con cadenza periodica ravvicinata, su espresso atto di indirizzo del Prefetto, in quanto finalizzati ad un mirato potenziamento dell’attività di prevenzione e contrasto dei fenomeni delittuosi sull’intero territorio comunale, sviluppando il massimo coordinamento delle Forze di Polizia, a competenza generale e speciale.

I dispositivi interforze – ha evidenziato il Prefetto Campanaro – hanno una connotazione aggiuntiva rispetto a quelli attuati in via ordinaria, nell’ambito del piano di controllo coordinato del territorio. Si tratta, cioè, di servizi ad obiettivi finalizzati e con ampia visibilità, svolti in maniera sistematica e continuativa, che consentono di rafforzare il raccordo operativo tra Forze di polizia, a beneficio della massima sicurezza della comunità locale”. Gli ultimi servizi hanno interessato, in particolare, l’area G.A.D. e le vie Veneziani, Belvedere, Porta Catena e via Bologna, quadranti territoriali al centro delle continue attenzioni del Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica presieduto dal Prefetto Campanaro, ove l’azione di controllo interforze è fondamentale per dare maggiore efficacia e pervasività al contrasto ai fenomeni dello spaccio di sostanze stupefacenti e dell’immigrazione irregolare.

Nei giorni precedenti, analoghe operazioni “ad alto impatto”, con la partecipazione anche di Reparti di rinforzo ed unità cinofile specializzate. erano state disposte dal Prefetto nell’area P.M.I., in quelle artigianali di Ferrara sud e Ferrara nord, indirizzate alla prevenzione ed al contrato dei reati predatori in danno di attività commerciali; oltre che nelle aree periferiche di Barco e Pontelagoscuro e quelle di via Vicenza, via Isola Bianca e via Padova.

Nel corso dei richiamati servizi interforze sono state controllate 215 persone, di cui 73 straniere, e 108 veicoli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.