Prevenzione terremoti per le imprese

C’è un’anomalia per il Comune di Ferrara che potrebbe penalizzare fortemente le imprese. Queste, dopo il sisma sono chiamate entro 18 mesi, tutte, a mettersi in regola con la sicurezza, raggiungendo attraverso lavori di adeguamento anche costosi, almeno il 60% di riduzione del rischio. Dall’altro, a differenza di altri comuni limitrofi, ad esempio Modena, lo scatto automatico delle agevolazioni previste per le zone terremotate non è previsto, tranne che in alcuni casi, mentre il costo di adeguamento per gli imprenditori è certo.

La denuncia la fa il direttore di Confesercenti, Alessandro Osti che con Confai e Unioncase ha fondato una nuova organizzazione: Intesacondominio. Un nuovo soggetto che punta a fare prevenzione anche per la sicurezza sismica di imprese e abitazioni civili.

Se non si pone un correttivo, denuncia Osti, le imprese ferraresi rischiano di essere fortemente penalizzate. Da noi infatti i diritti previsti dopo il sisma spettano solo a chi ha subito seri danni.

[flv]rtmp://telestense.vod.weebo.it/vodservice/20120616_08.flv[/flv]

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *