Primo bilancio dei saldi invernali a Ferrara, Ascom: “Stabili ma con lieve ripresa”

felloni ascomStabili e con lievi elementi di ripresa: è il primo bilancio,  in pratica a metà del percorso,  delle prime 4 settimane di  Saldi Invernali che hanno avuto inizio lo scorso 5 gennaio, in Emilia Romagna.

Le prime valutazioni vengono dalla Confcommercio regionale con il supporto di centro studi Iscom Group che ha provveduto ad intervistare un panel rappresentativo di imprese del tessile abbigliamento e delle calzature. “Riscontriamo che Ferrara è in linea con i dati regionali – commenta il presidente provinciale  Ascom Confcommercio Giulio Felloni – ed in queste prime settimane si sono evidenziato saldi dall’andamento stabile.  In particolare il consumatore ha riscoperta il gusto di passeggiare nei centri storici, sempre più meta turistica, e di fare shopping, in maniera mirata ed attenta. E questo è un elemento sul quale i piccoli negozi di vicinato devono puntare grazie alla loro professionalità e qualità”.

Complessivamente il 73%  degli intervistati sostiene di aver avuto un andamento nelle vendite a maggioranza stabile o migliore rispetto al 2018. Tra i capi che hanno avuto maggior successo la maglieria, i pantaloni e le borse; acquisti sempre realizzati con attenzione e prudenza da parte del consumatore. Alla metà di gennaio hanno ripreso le vendite di capispalla imbottiti (in particolare piumini) anche a seguito dell’ondata di freddo. Tra le calzature la parte del leone la fanno sneakers di marca, gli stivaletti e gli scarponcini. La spesa in media per ogni singolo consumatore si aggira sugli 88 euro (circa 194 euro a famiglia) .

Tra i principali elementi di preoccupazione negli operatori di settore la concorrenza  oltre a quella della grande distribuzione, anche quella sempre più invasiva delle vendite on line: “Un elemento sul quale è necessario che a livello governativo si provveda ad una scelta: l’e-commerce, senza regole precise, rischia di penalizzare oltre misura le piccole attività di vicinato che hanno un ruolo fondamentale nel tenere accoglienti e vitali i nostri centri storici” aggiunge Felloni.

I Saldi, che rappresentano in media dal 10 al 20% del fatturato annuo di un operatore, si concluderanno ufficialmente il prossimo 5 marzo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *