Primo “Festival della Fantasia “, a Ferrara con Davide Rondoni, Gioele Dix e BandaDante

Scrittori, istituzioni, scienziati, giornalisti, docenti, poeti, comici, artisti e critici d’arte uniti per raccontare la forza della fantasia. Si chiama Fe.Fant il primo Festival della Fantasia presentato oggi e in programma il 10 e 11 giugno a Ferrara. Nell’occasione si terrà anche il conferimento della cittadinanza onoraria ad Antonia Arslan, tra gli ospiti in programma.

A consegnarle il riconoscimento – nel cortile del Castello Estense, giovedì 10 giugno alle 21,15 – sarà il sindaco Alan Fabbri che nelle scorse settimane aveva annunciato l’iniziativa anche rispondendo all’ambasciatore turco Murat Salim Esenli sul tema del genocidio armeno: “Onoriamo la persona e l’opera di una scrittrice coraggiosa, contro ogni negazionismo”, ha detto il primo cittadino oggi alla presentazione dell’evento.

Fe.Fant porta la firma del poeta Davide Rondoni, direttore artistico del Festival, con la Fondazione Zanotti, che quest’anno compie 20 anni. L’Amministrazione patrocina e finanzia l’iniziativa, promossa dall’assessore Matteo Fornasini, con diverse collaborazioni. Aderiscono infatti: la Regione Emilia-Romagna, l’Ufficio scolastico regionale, l’Università di Ferrara, Ascom Confcommercio, Cultura e Futuro Urbano.

Il programma partirà dal Giardino delle duchesse giovedì 10 giugno alle 17,30 con un intervento del rettore Unife Giorgio Zauli, che dialogherà su “Fantasia e cervello” con il linguista e neuroscienziato Andrea Moro. Alle 18,30, nella stessa sede, al centro ci sarà Ludovico Ariosto “e la fantasia al lavoro”: ne parleranno Vittorio Macioce, giornalista e scrittore, Andrea Gareffi, professore di letteratura all’università di Tor Vergata, Paolo Castelli, imprenditore e designer.

La serata proseguirà nel cortile del Castello Estense per il conferimento dei “Premi Fantasia”, questa fase sarà introdotta da Gioele Dix e Luca Doninelli, scrittore e professore presso lo Iulm, e da un’esibizione di tango di Carlotta Santandrea e Patricio Lolli. A questo punto il sindaco Fabbri consegnerà la targa della cittadinanza onoraria ad Arslan e due riconoscimenti ad altrettanti imprenditori nei settori profit e non profit. Il giorno seguente, venerdì 11, si aprirà alle 10 al Giardino delle duchesse con un laboratorio – curato dall’associazione genitori ‘Luigi e Zelia Martin’ – sulla storia di Pinocchio. Poi ad essere protagonista sarà Dante, nei 700 anni dalla scomparsa.

Ne parleranno nella stessa sede, infatti, Antonia Arslan e il docente al Manhattanville College di New York, dalle 16. È inoltre previsto un intervento di Simone Subissati, architetto anconetano che espone alla Biennale di Venezia. Alle 17,30 al via un nuovo ciclo di interventi, dedicato a “Fantasy, fiction, immaginazione e visione”, con Roberta Tosi, critico d’arte e studiosa di Tolkien, Antonio Monda, scrittore e direttore del Festival del Cinema di Roma e Sara Taglialagamba, studiosa di Leonardo da Vinci.

Alle 19 al Castello è atteso il concerto di Ambrogio Sparagna, con la carovana artistica BandaDante. A seguire, sarà possibile assistere alla partita di calcio degli Europei 2020 (Italia contro Turchia) grazie a un maxischermo che sarà installato. Per i giorni del Festival alcuni locali aderenti ad Ascom proporranno una speciale box per i piatti da asporto interamente dedicata al tema della fantasia e proporranno un menù o un piatto dedicato, appunto frutto della ‘fantasia’ di cuoche e cuochi.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *