Processo Cona: fatture sotto esame. Vertici ‘Consorzio Cona’ rispondono a Pm Castaldini – VIDEO

tribiunale_cona

Torna in aula dopo la pausa estiva il processo sulla costruzione del polo ospedaliero di Cona. Oggi il Pm Castaldini ha sentito il vertici del Consorzio Cona. Al centro dell’udienza, alcune fatture ‘illecite’ secondo l’accusa, con dei prezzi, ingiustificati.

L’accusa è di “aver portato guadagni illeciti a Pro.geste (poco più di 2milioni di euro) attraverso una revisione dei prezzi delle fatture dei fornitori” soprattutto nell’acquisto del ferro. Stamattina sul banco degli imputati i vertici del Consorzio Cona hanno risposto alle domande del Pm Patrizia Castaldini: l’accusa è di truffa ai danni della Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Anna, attraverso adeguamenti illeciti dei prezzi, già definiti nel 2005 ma lievitati, inspiegabilmente, sostiene il Pm, dopo tre anni.

A giustificare il maggior costo del prezzo del ferro tra l’atto dell’offerta e quello finale è stato il direttore tecnico del Consorzio Cona, Guglielmo Malvezzi, che ha motivato la questione spiegando al pm diversi passaggi come ad esempio che “nel 2005, la società Progeste (che ha costruito il nuovo ospedale di Cona) ancora non esistesse”. E poi ancora intercettazioni telefoniche, email e lettere: tutte sviscerate ed analizzate dal Pm per capire come il Consorzio Cona giustifichi quell’adeguamento di prezzi, che inizialmente era pari a 3,7milioni di euro. Il Pm Castaldini incalza: al collaboratore di Malvezzi, Nicola Fakes, responsabile del controllo di produzione del Consorzio Cona chiede come mai il Consorzio del quale fa parte per ben due volta chieda ad un fornitore di correggere i prezzi , modificando importi già pagati.

“Nessuna truffa e nessun illecito, spiega Riccardo Pellicciardi, difensore di Malvezzi e Fakes. I miei clienti hanno applicato le norme di legge, allegando alla loro richiesta la documentazione proveniente dalla camera di commercio di Brescia per quanto riguarda l’aumento di prezzi verificatosi nel 2008”. Si ritornerà in aula il prossimo 10 ottobre quando davanti al collegio giudicante, presieduto dal giudice Luca Marini, siederà il numero uno di Cmb Carpi, capofila di Progeste.

[flv image=”https://www.telestense.it/img-video/tribiunale_cona.jpeg”]rtmp://telestense.meway.tv:80/telestense_vod/04-processo-cona_20140926174143.mp4[/flv]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.