Proiettili e spranghe detenuti illegalmente: le denunce dei cc. Deferiti anche tre minori per uso di bancomat smarrito

Guida in stato di ebbrezza, detenzione abusiva di arma e furti, in un supermercato e all’interno di una struttura di assistenza per anziani. Sono solo alcune delle operazioni eseguite nelle ultime 24 ore da parte dei carabinieri della provincia di Ferrara.

 

La spranga ritrovata dai cc a San Vito di ostellato

Undici proiettili di calibro 9 sono stati rinvenuti dopo una perquisizione personale e nel suo domicilio ad un uomo, italiano, di 33 anni, a Lido degli Estensi.

Denunciato anche un 49enne per porto abusivo di armi e oggetti atti ad offendere perché dopo un controllo dei carabinieri a San Vito di Ostellato veniva sorpreso con una mazza di quasi mezzo metro, nascosta nella sua autovettura.

A Mesola, invece, poco prima delle tre del mattino della notte fra mercoledì e giovedì, i carabinieri del reparto radiomobile di Comacchio hanno denunciato un uomo, italiano, di 26 anni, sorpreso ubriaco alla guida del suo mezzo. Al 26enne gli è stata ritirata anche la patente.

Per quanto riguarda invece i reati contro il patrimonio i militari di Copparo, dopo alcune indagini, hanno denunciato per furto e appropriazione indebita due donne, una marocchina di 49 anni e un’italiana di 22.

Secondo i militari le due, che prestavano servizio come operatrici socio sanitarie in una casa di cura locale, si sono ripetutamente impossessate di lenzuola, coperte ed asciugamani, oltre a diverse derrate alimentari procurando un danno di circa 3mila euro.

A Cento invece i militari hanno denunciato un romeno di 37 anni che lo scorso 29 marzo nel supermercato Famila di via del Commercio si era portato via bottiglie di vino per un valore di 130 euro.

Nel comune Terre del Reno invece, un 19 enne e altri tre minori sono stati denunciati per aver usato un bancomat e effettuato un prelievo fraudolento ai danni di una donna che aveva denunciato lo smarrimento della carta bancomat lo scorso novembre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *