Siamo pronti per la fase 2?

Motori accesi ormai in tutta la provincia, in Regione e nel Paese, per l’avvio della cosiddetta Fase 2 dell’epidemia, una fase in cui dovremo convivere con il virus, ma con misure meno restrittive. Una apertura progressiva di aziende, servizi,luoghi della cultura e dell’arte, che è necessaria per non creare una crisi insanabile, far ripartire il lavoro.
Una vera e propria necessità famiglie e imprese, dicono molti dei diretti interessati, anche se alcuni esperti del comitato tecnico scientifico a supporto del Governo hanno detto in più occasioni che per l’Italia è ancora troppo presto. In questo difficile compromesso fra ripartenza e misure anticontagio la cautela è più che mai d’obbligo.
Il virus continua imperterrito a circolare, devono essere, quindi, più che mai osservate le misure di auto ed etero tutela, dal distanziamento sociale alle mascherine alle misure di igiene delle mani e degli ambienti.
Il governo,impegnato a mettere nero su bianco protocolli con regole specifiche per ogni situazione , conta sulla ragionevolezza e sul senso civico delle persone.
In presenza di questo requisito dovrebbe essere superfluo o quasi il controllo da parte delle forze dell’ordine. visto che è ormai a conoscenza di tutti il fatto che una seconda ondata dell’epidemia farebbe probabilmente molti più danni della prima o ci farebbe di nuovo piombare nella chiusura delle città e in un nuovo assalto agli ospedali.
Eppure c’è un tema che ancora non è emerso con forza, è la questione degli spazi, che tocca sia gli operatori che i clienti.
Un tema che si è posto per le aziende, i bus, i treni, gli stessi taxi. Qui le soluzioni sono in parte pronte o allo studio, con veri e propri protocolli siglati da associazioni imprenditoriali, governo e sindacati.
Ma laddove gli spazi sono angusti, mancano spesso regole precise. Un esempio per tutti i piccoli centri commerciali, dotati di spazi tendenzialmente labirintici, dove la ricerca delle merci e soprattutto la sosta inevitabile alla cassa creano ingorghi quasi inevitabili. Ecco qui servono , ora che si allenteranno le restrizioni, delle norme ancora più precise. Lo scaglionamento degli ingressi va controllato, così come va pretesa l’osservazione rigida delle distanze di sicurezza fra i clienti. Misure, che già da alcuni giorni, con molto anticipo sull’inizio della fase 2, sembrano, in alcuni esercizi commerciali anche ferraresi, essere state disinvoltamente dimenticate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *