Prova di maturità per la Despar4T

Con San Marino, terzo in classifica

imageLo scontro di sabato sera al Pala 4T è il match clou della settimana. Ospite della capolista Despar 4 Torri sarà, infatti, la terza forza del campionato, l’Asset Banca San Marino. I Titans di San Marino hanno iniziato la stagione in un ambiente reduce da sentimenti contrastanti, da una parte l’amara retrocessione della prima squadra (arrivata nel campionato di DNC con una sconfitta a tavolino contro la Salus nei play out) e dall’altra i fasti dell’oro agli Europei Under 16 – Division C. In tale contesto, a ripescaggio avvenuto, la società ha deciso di ripartire affidando la guida della prima squadra a coach Franco Foschi, uomo con esperienza consolidata nel mondo del basket. Con lui e grazie ad un vivaio fiorente, la società del Titano sta cercando di costruire il proprio futuro. Già quest’anno sono in pianta stabile nella prima squadra, frutto del settore giovanile, il 1999 Giovanni Ugolini e il 1996 Andrea Gambi oltre ai “vecchi” Davide Macina (1993) e Federico Cardinali (1991). Nel gruppo ruotano almeno altri 4 ragazzi dell’under 18 e questo fa dei Titans una squadra giovanissima, dove il più “anziano” è il capitano del 1989, Tommaso Gamberini. Tra i senior l’ultimo arrivo in divisa Asset Banca è stato Riccardo Ravaioli esterno classe 1992 proveniente dai Tigers Forlì dove, da capitano, ha contribuito a portare la squadra, al debutto in C Gold, ai piedi dei playoff. Ravaioli è di grande importanza per l’esperienza e per i buoni assist che riesce a distribuire in campo. Altro importante ingresso è stato Giuseppe Caronna, centro palermitano di 205 centimetri, classe 1994, prodotto delle giovanili di Capo d’Orlando. Caronna è reduce da una stagione in DNB con la Nuova Aquila Palermo e fin qui si distinto per i rimbalzi catturati (tra i migliori in questo ruolo) e le tante stoppate sotto canestro. Ultimo innesto è stato Alessandro Balestri, interno classe 1997, in arrivo dalle giovanili del Cesenatico. Completa no il roster il play Frigoli, ottimo assistman, la guardia Polverelli che nonostante l’altezza è un grande “catturatore” di rimbalzi offensivi, l’ala Borello e Zanoni guardia da tiro quasi infallibile dalla linea della carità. San Marino domenica scorsa ha ottenuto una “corroborante” vittoria contro San Lazzaro, arrivata dopo un incontro tirato e vissuto di strappi che alla fine hanno premiato la squadra di casa. Nei primi dieci turni di campionato ha perso solamente con Imola (nella prima di campionato giocata in trasferta) e con Piacenza, in casa propria. Tra le sue vittime illustri può annoverare Reggio Emilia, sconfitta nella quarta giornata in trasferta. Miglior realizzatore della squadra è Caronna che fin qui ha messo in media quasi 15 punti a partita. Oltre a ciò il centro palermitano fa ottimamente il suo lavoro anche sotto le plance agguantando mediamente 9 palloni di rimbalzo. Ravaioli e Zannoni sono le altre due bocche da fuoco dei sanmarinesi. Nelle prossime due partite la squadra di Foschi capirà, definitivamente, se il suo destino è quello di rimanere nei piani alti considerato che incontrerà in sequenza la Despar e poi, nell’infuocato derby romagnolo, i Tigers. Ai granata il difficile compito di interrompere il “sogno” dei bianco-azzurri. Palla a due al Pala 4T sabato 5 dicembre alle 20,45.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *