Provincia: la protesta continua

Non convince i lavoratorti di Palazzo Celio, la parziale retromarcia del governo Renzi sul futuro delle Province. “Il problema – osservano – è la legge di stabilità che mantenendo i tagli ai trasferimenti di fatto, nell’arco di uno, due anni al massimo, metterà tutti gli Enti in dissesto decretandone la morte”. L’assemblea permanente convocata venerdì, come in tutte le province d’Italia, continuerà in Polesine, fino alla mezzanotte per poi riprendere dalle 8,30 di domenica. Lunedì, in occasione dell’incontro delle province venete, a Treviso, le tre sigle sindacali hanno promosaso un sit-in davanti alla sede della Provincia della Marca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.