Pulservice, stato agitazione dipendenti. Sindacati: “Stipendi non pagati”

pulizia pulservice

Permane la proclamazione dello stato di agitazione tra i dipendenti nell’appalto delle pulizie, Pulservice, impiegati all’Aeronautica militare di Poggio Renatico e Ferrara.

Oggi i sindacati e le lavoratrici, in assemblea, decideranno quali azioni intraprendere contro la ditta che non si sarebbe presentata in Prefettura ieri, al tavolo che sarebbe servito per riavvicinare le parti. Martedì infatti si è tenuto un incontro in Prefettura a Ferrara, il cui Prefetto aveva convocato le parti nel tentativo di ricomporre la situazione. Il motivo della proclamazione dello stato di agitazione è dovuto al mancato pagamento di tre mensilità alle lavoratrici: quattordicesima e tredicesima e dicembre 2015. L’Aeronautica Militare ha tenuto a precisare che onora il pagamento alla ditta, il mancato pagamento avverrebbe da parte della srl alle dipendenti.

STORIA DELLA VERTENZA PULSERVICE. Continua così la vertenza dei dipendenti di Pulservice srl che lo scorso 4 febbraio 2016 proclamarono lo stato di agitazione. In Prefettura erano convocati la Filcams CGIL, la Uiltucs UIL, la ditta Pulservice e il committente dell’appalto, l’Aeronautica militare. La Pulservice però, come riporta la Cgil, non si sarebbe presentata e l’incontro si sarebbe chiuso con esito sfavorevole alla ricomposizione della vertenza. La Pulservice, lunedì sera, sempre secondo il sindacato, avrebbe inviato una comunicazione “irrituale” in cui preavvisava della sua assenza ma senza chiedere una riconvocazione del tavolo prefettizio. I mancati e ritardati pagamenti iniziarono nella primavera del 2015 e da allora si trascina, al punto che il 26 giugno 2015 ci fu uno sciopero, con il presidio davanti alla sede dell’Aeronautica Militare di Ferrara in viale Cavour.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.