Quasi in duecento per il G.P. Città di Ferrara, che è andato al piacentino Signorini

Al comitato di Modena Est l’oro nella gara per gli atleti con disabilità intellettiva e relazionale


Centonovanta giocatori, provenienti da dieci regioni e oltre venti comitati provinciali, hanno dato vita ad una stupenda edizione del G.P. Città di Ferrara, disputato per la sedicesima volta sulle corsie della bocciofila La Ferrarese. L’evento, diretto dall’arbitro nazionale Sartori di Verona, coadiuvato dagli arbitri di società Finotti, Pusinanti, Guidetti e Fongaro di Ferrara, è stato un successo in termini di partecipazione e di pubblico. Le eliminatorie hanno reso necessario l’utilizzo di impianti anche in provincia di Bologna, consentendo di disputare a Ferrara l’intero quadro finale con gli ultimi atleti rimasti di categoria A e di B. Purtroppo, unica nota dolente della giornata, i giocatori di Ferrara non sono riusciti ad entrare nel quadro dei finalisti. Le semifinali hanno visto sfidarsi il favorito e pluricampione internazionale, Gianpaolo Signorini di Piacenza, con il veronese Alberto Selogna. Sull’altro campo il modenese Daniele Sacchetti (Rinascita Budrione) contro il bolognese Daniel Tarantino (Osteria Grande). In una finale a senso unico ha prevalso Signorini su un Sacchetti che non è mai riuscito a impensierire il fuoriclasse di origini lombarde. Tra i cadetti c’è stata gloria per Luigi Ansaloni (Modena Est), che ha avuto la meglio sul veronese Francescon della San Michele Dinova. Sul terzo gradino del podio sono saliti il pesarese Beltrami (Tavernelle) e il veterano Poluzzi (Sanpierina BO). Grazie al supporto di sponsor tecnici come Super Martel Bocce e Calzaturificio Monini, il tavolo delle premiazioni è stato particolarmente ricco. Il presidente del Circolo, Davide Fiorini, si è detto molto soddisfatto per la riuscita della manifestazione, dando l’appuntamento al 2019 per l’edizione numero venti.
I finalisti sono stati premiati dal consigliere regionale FIB, Mazzoni, che si è congratulato con la società per una kermesse di tre giorni che ha unito il mondo giovanile, quello paralimpico e quello dell’alto livello.
Porotto – nel tradizionale G.P. di Natale, gara promozionale per 24 coppie di catogoria mista, il successo è andato alla coppia composta da Emiliano Pirani e da Gianfranco Galliera della bocciofila La Ferrarese. Seconda piazza per i padroni di casa Loris Bevilacqua e Tonino Checchi.

Dodici coppie, provenienti dai comitati provinciali di Piacenza, Modena, Reggio Emilia e Ferrara, sono scese in campo sabato scorso sulle corsie della bocciofila La Ferrarese. Nella gara, organizzata nell’ambito del circuito regionale in collaborazione tra FIB, CIP e CSI, e diretta dal responsabile Visentin di Piacenza, sono stati protagonisti gli atleti con disabilità intellettiva e relazionale. La classifica finale ha sorriso alle delegazioni ospiti: vittoria per Modena Est con Davide Stefanazzi e Cristina Bertani, argento per i piacentini della Valtrebbia, Pizzi e Tanzini, bronzo per i reggiani della Rubierese, Ferri e Ferrari. I migliori tra i padroni di casa sono stati Mario Maggi e Luca Gamberini, quinti al termine della gara.
Hanno partecipato anche altre 3 coppie ferraresi: Pareschi – Damigiano, Alberti – Cavicchi e Casarotti – Di Fabio. La società La Ferrarese ha organizzato per la prima volta una manifestazione di valore competitivo a coppie con regolamento tradizionale, portando in città oltre settanta persone tra atleti, operatori, tecnici e accompagnatori. Al termine della gara le premiazioni sono state effettuate dal responsabile tecnico Mazzoni e dal delegato CIP di Ferrara, Francesco Alberti, che si è congratulato con la società per il crescente impegno a favore del movimento paralimpico, attraverso una progettazione inclusiva e integrata: sono stati infatti i giovani atleti junior normodotati della società (Zabusyk, Bukartyk, Khodovistksyi, Rassas e Menegatti) a prestare servizio arbitrale, supportati anche dall’arbitro di società Carlo Zamboni.
Qualche giorno prima è stata la stessa società di Viale Orlando Furioso ad ospitare la giornata conclusiva del progetto “…e io gioco a bocce”, che ha coinvolto oltre 150 persone con disabilità, offrendo in totale 1500 ore di allenamenti gratuiti presso 6 società sportive della regione, in collaborazione con circa trenta centri socio riabilitativi, associazioni, enti, fondazioni, onlus che operano col mondo della disabilità. Nel pomeriggio conclusivo si è svolto un evento misto a coppie, dove un atleta con disabilità ha giocato al fianco di uno junior normodotato. Le vittorie sono andate alle coppie Pareschi – Amjed Rassas su Zabusyk – Maggi per il gioco tradizionale, e alla coppia Di Fabio – Sgarzi su Khodovistkyi – Alberti per il gioco con regolamento “…e io gioco a bocce”. Per l’occasione il presidente FIB Ferrara, Mirco Neri, ha premiato l’ideatore del progetto, Franco Cristofori di Cento ed ex presidente provinciale, che esattamente dieci anni fa organizzò il primo Meeting unendo alcuni gruppi della provincia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *