Quasi un milione di euro a Ferrara per bonifica e messa in sicurezza permanente del sito ex Amga

Quasi un milione di euro (975.433,00€) quelli assegnati a Ferrara nell’ambito del Pnrr per l’intervento di progettazione ed esecuzione del Progetto operativo di Bonifica e Messa in sicurezza permanente del sito Ex Amga, già sede del Comando della Polizia locale, in via Bologna 13\15 a Ferrara.

“Il finanziamento – ha spiegato l’assessore all’Ambiente Alessandro Balboni – è oggetto della candidatura presentata dal Comune di Ferrara attraverso la Regione Emilia-Romagna (che è soggetto attuatore) per la bonifica dei 5.500 metri quadrati di territorio che rientrano nella tipologia di “siti orfani”, cioè quei siti contaminati che non siano stati bonificati dai responsabili o dai proprietari dei terreni, perché sconosciuti o inadempienti. Sarà quindi un’occasione importante per restituire alla città uno spazio centrale e strategico, inserendolo di nuovo nell’uso per la collettività. In questo modo si eviterà il consumo di altro suolo per la costruzione edilizia e si ridurrà l’impatto sull’ambiente e sulla biodiversità. Il target finale dell’investimento è fissato al primo trimestre del 2026 ed entro la fine di marzo dovrà essere riqualificato il 70% della somma di tutte le superfici di suolo individuate”.

Con la firma del decreto da parte del Ministro della Transizione ecologica, Roberto Cingolani, viene raggiunto in anticipo il traguardo di dicembre sulla misura del PNRR “Bonifica del suolo dei siti orfani” con l’adozione del Piano d’azione per riqualificare i terreni inquinati delle aree industriali abbandonate tramite i finanziamenti ripartiti tra le Regioni.

La demolizione dello stabile ex Amga di via Bologna, dismesso dai tempi del sisma, è stata portata a termine nel giungo 2021. L’immobile, inagibile da nove anni, si trovava in una delle vie di accesso della città, a pochi passi da Porta Paola e dal sistema delle mura cittadine. La demolizione – disposta dall’Amministrazione per complessivi 120mila euro – ha richiesto alcune settimane di lavori, preceduti da alcune operazioni preliminari per sgombrare gli interni e per lo smaltimento dell’amianto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *