Quattro volontari ferraresi nei boschi della Val di Zoldo

Hanno risposto all’invito arrivato dalla valle tramite facebook:

Nella foto, da sinistra in piedi: Gabriele Villa, Maurizio Fontana, Mauro Melon.
Sotto: Pompeo De Pellegrin (di Zoldo), Giordano Berti.

Cercasi volontari per il ripristino del Troi del Camillo. – A tutti gli amici e a tutte le persone pronte a dare una mano, diamo appuntamento per sabato 17 novembre alla partenza del sentiero 491, alle ore 8:00, presso Forno di Zoldo”.
Gabriele Villa, Mauro Melon, Giordano Berti, Maurizio Fontana (tutti soci del Club Alpino ferrarese), non ci hanno pensato due volte e sono partiti, ancora prima dell’alba, trovandosi a condividere il lavoro assieme ad una cinquantina di volontari arrivati da varie parti del Veneto per dare una mano ai volontari locali nel ripristino della percorribilità del sentiero naturalistico “Troi del Camillo”.

I volontari locali, muniti di motoseghe e attrezzi per lavorare nei boschi, hanno aperto la strada tra alberi caduti, sia spezzati che sradicati dalla furia del vento nel tragico fine settimana alluvionale di fine ottobre che ha colpito le regioni dolomitiche.

Gli volontari aggregati hanno aiutato in tutti i modi possibili, spostando i tronchi tagliati, le ramaglie di risulta, segando a mano rami e radici, spostando sassi rotolati e cascami vegetali presenti sul percorso.

Il lavoro, iniziato poco dopo le otto, si è protratto con grande fervore fino alle due del pomeriggio, concludendosi con una escursione lungo tutto il sentiero  ripristinato dalle tre squadre di lavoro in cui si erano divisi i cinquanta volontari.

La giornata si è conclusa con una bicchierata offerta dal Bar Centrale di Forno di Zoldo ai volontari, in un clima festoso nel quale tutti hanno ringraziato tutti, invitanti ed invitati, per la soddisfazione del rispristino portato a termine.

Un pensiero su “Quattro volontari ferraresi nei boschi della Val di Zoldo

  • 22/11/2018 in 15:25
    Permalink

    Bravissimo Gabri non dimentichi mai le nostre zone

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *