Rapine, furti e droga: sgominata banda di ferraresi

XX carabinieri arresti-2

Avevano tentato di rapinare persino la nonna di uno degli affiliati della banda. Temerari, così i membri della banda di rapinatori e ladri della bassa ferrarese sono stati definiti dai carabinieri della compagnia provinciale che venerdì mattina all’alba hanno fatto scattare il blitz.

Dodici le ordinanze di arresto emesse: nove persone sono state arrestate nelle proprie case, uno si trovava già in carcere mentre un altro era ai domiciliari. Uno degli accusati invece risulta ricercato.

XX carabinieri arrestiSu cinque di loro grava anche l’accusa di associazione a delinquere: secondo gli inquirenti infatti si trattava di una banda organizzata e armata di fucili e pistole false, coltelli e anche storditori elettrici detti taser. Ognuno nel gruppo aveva il suo ruolo: Niccolò Ottaviano era il capo della banda, mentre Sara Luciani sceglieva e comunicava le case e le persone da derubare o rapinare.

01 carabinieri arrestiLa base della banda era a Rero, e da lì si spostavano tra Ferrara, Ostellato, Migliarino, Lagosanto, Massa Fiscaglia e Migliaro. Alcuni degli arrestati risultavano disoccupati.

Le indagini, partite un anno fa, hanno preso il via dopo il ritrovamento di un auto bruciata all’interno di un casolare nella campagna ferrarese. L’auto, risultata poi rubata ad Alessandria, era stata usata per una rapina.

Secondo i militari, i proventi delle rapine e dei furti venivano poi investiti nell’acquisto di droga nel ravennate, soprattutto cocaina, rivenduta poi ai giovani ferraresi del mercato delle sostanze stupefacenti.

Un giro di denaro ulteriore insomma che avrebbe fruttato circa 200 mila euro. Le indagini intanto non sono ancora finite.

%CODE%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *