Reagisce al controllo del figlio con morsi e calci ai carabinieri, arrestato

Nella notte tra martedì e mercoledì scorsi, una pattuglia dei carabinieri è stata richiamata in via Teodoro Bonati a Bondeno da alcuni residenti che lamentavano disturbo della quiete da parte di alcuni giovani.

Una volta sul posto, la pattuglia avrebbe individuato e avrebbe deciso di portare in caserma tre giovani di origine marocchina, un minorenne e due ventenni.

Giunti in caserma i carabinieri hanno informato i genitori del minore, invitandoli a presentarsi in caserma per poter procedere al riaffidamento del figlio minorenne.

Verso le 3, si sarebbe presentato al comando dell’arma il padre dell’adolescente il quale, anziché preoccuparsi della condotta del figlio, avrebbe contestato l’operato dei militari, prima aggredendo verbalmente i militari e poi aggredendoli fisicamente.

L’uomo avrebbe iniziato a sferrare calci e pugni e, al tentativo di immobilizzarlo, avrebbe persino morso un braccio a uno dei militari, costretti ad usare lo spray al peperoncino per placare l’ira dell’uomo.

Nella ressa, nel corso della quale i militari avrebbero riportato lesioni, i tre giovani sarebbero intervenuti a supporto dell’uomo, contribuendo al danneggiamento delle porte degli uffici e alla rottura del dispositivo per lo spray.

Giunti i rinforzi e calmata la situazione, il padre, E.G.R., 46 enne residente in zona, è stato dichiarato in arresto per violenza, resistenza ed oltraggio a pubblico ufficiale, lesioni personali e danneggiamento aggravato, mentre i tre giovani sono stati denunciati in stato di libertà per concorso in danneggiamento aggravato.

L’arrestato è portato nelle camere di sicurezza del comando provinciale dei carabinieri di Ferrara, in attesa dell’udienza di convalida e il processo per direttissima.

Col padre in arresto, i carabinieri hanno convocato in caserma la madre a cui hanno affidato il minore. Oggi, il giudice monocratico del tribunale di Ferrara ha convalidato l’arresto del 46enne e lo ha condannato alla pena di sei mesi di reclusione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.