Recovery fund a Ferrara: serve una cabina di regia paritaria 

L’impatto della pandemia  sulle donne secondo i dati Istat ha portato a diminuire il tasso di occupazione femminile per 1.5 punti percentuali, che in termini assoluti da dicembre 2019 a dicembre 2020 equivalgono a meno 312.000 occupate, che significa maggiore povertà non solo per le donne, ma per le famiglie, per le città e per l’intero Paese.

Una crisi di vaste proporzioni che ha colpito le categorie deboli come le donne e i giovani,  e che il Pnrr si propone di curare. Come? Vediamo che si può fare in questa fase iniziale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *