La Regione E-R ha i conti in ordine

regioneLa Corte dei Conti ha promosso il bilancio 2016 della Regione Emilia Romagna, che si è chiuso nel rispetto delle norme contabili e delle regole della buona amministrazione.

Il bilancio regionale 2016 si è chiuso – fa sapere la Regione – con un saldo di competenza fra entrate e spese di 138 milioni di euro, ha rispettato i vincoli del pareggio di bilancio, ha liberato risorse per i territori pari a 84 milioni – oltre 1 miliardo dal 2011: il debito della regione Emilia Romagna è stato ridotto di quasi 50 milioni.

La certificazione del bilancio regionale è arrivato venerdì scorso, al termine di un’udienza pubblica che si è tenuta a Bologna, nel salone d’onore del Circolo Ufficiali di Palazzo Grassi, presente il presidente della sezione regionale della Corte di Conti Carlo Greco.

Il bilancio, fa sapere la stessa Regione Emilia Romagna, ha raggiunto risultati positivi di riduzione del debito e rispetto dei vincoli di finanza pubblica senza aumentare le tasse ai cittadini, e riducendo la spesa, compresi gli incarichi esterni e le auto di servizio. Un elemento importante di risanamento del bilancio è stato il ricorso al mercato elettronico per l’acquisizione di beni e servizi, attraverso InterCenter, la centrale unica regionale degli acquisti, che ha registrato un aumento del valore degli acquisti pari a 10′ volte in tre anni da(6,9 milioni a 60 tra il 2014 e il 2016).

Il pareggio di bilancio è stato raggiunto, dice ancora la Regione, anche nel servizio sanitario regionale, sebbene siano state effettuate negli ultimi due anni, 4300 assunzioni di medici, infermieri, operatori sanitari socio sanitari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *