Regione: nuovi investimenti per progetti di promozione culturale

Cresce l’impegno della Regione a sostegno della promozione culturale. Finanziati dal bando della Regione i 274 progetti di 187 associazioni e 14 istituzioni culturali per 1 milione 584mila euro. Finanziati anche tutti i 73 progetti presentati dagli enti locali, Comuni e Unioni di Comuni, per 1 milione e 239mila euro . Nelle scorse settimane la Regione aveva già assegnato 370 mila euro alle tre associazioni regionali (Arci, Endas e Acli Arte e Spettacolo) e all’Istituto nazionale di Studi verdiani, per il triennio 2016-2018.

Dalla cultura popolare, all’arte contemporanea, da iniziative per sostenere i giovani talenti a quelle per la diffusione della cultura della legalità e della cittadinanza responsabile. La Regione Emilia-Romagna risponde ai progetti di promozione culturale nati dal territorio aumentando di circa 400 mila euro le risorse per finanziarli. Dei 298 progetti presentati in risposta al bando, varato dalla giunta regionale, a sostegno di progetti e iniziative di promozione culturale in attuazione della legge regionale 37 del 1994, il 92% – pari a 274 progetti fra soggetti pubblici e privati – ha avuto un contributo,.
La legge, che ha come obiettivo quello di favorire innanzitutto il recupero e la valorizzazione della cultura popolare, della storia e delle tradizioni locali e di altre culture, vuole anche sostenere la realizzazione di progetti di promozione dell’arte contemporanea, della creatività giovanile, valorizzando i nuovi talenti e sostenendo la diffusione della cultura della legalità e della cittadinanza responsabile. Altro obiettivo importante è quello di promuovere la realizzazione di progetti integrati, favorendo l’aggregazione tra i vari soggetti del territorio.

Per l’assessore regionale alla cultura Massimo Mezzetti, il bando conferma l’impegno della regione a sostegno della crescita della progettualità e del lavoro in campo culturale, dopo gli investimenti indirizzati al cinema e allo spettacolo. Siamo nell’ambito dell’industria creativa dell’Emilia-Romagna, l’Economia arancione, dice Mezzetti, un settore in crescita che rappresenta un fattore di sviluppo per l’intero territorio regionale”.

A questi finanziamenti si aggiungono circa 400 mila euro a sostegno delle attività promosse dai Comuni capoluogo e destinati ad animare la Settimana della cultura in Emilia-Romagna – dal 7 al 14 ottobre prossimo – in occasione dell’Anno europeo del patrimonio culturale. L’ammontare complessivo delle risorse regionali destinate a questo settore sale così nel 2018 a 3 milioni e 494 mila euro.

I progetti finanziati in provincia di Ferrara, per 245mila euro sono 18. Di questi 13 sono stati proposti da associazioni (96mila euro), 3 da Comuni e Unioni (63mila euro) e 2 da istituzioni culturali (86mila euro. Ferrara si colloca così al sesto posto per quantità di finanziamenti ottenuti, dopo Bologna, Modena, Reggio Emilia, Forlì – Cesena e Parma, dimostrando un discreto livello di vitalità e creatività culturale.

Tra le associazioni vi sono Udi-Unione donne in Italia di Ferrara (“Ketty La Rocca 80 gesture, speech and word”, finanziata con 23mila euro) e il Centro culturale “L’umana avventura” (Sfida della tradizione II con 10 mila euro), mentre tra le iniziative istituzionali troviamo il Comune di Copparo (“In Bibliobus per isole torri e città”- edizione 2018 finanziato con 43mila euro) e il Comune di Argenta (“Saperi e mestieri”, IV edizione, con 12mila euro). Tra le istituzioni Culturali la Fondazione Ferrara Arte (Organizzazione mostra “Stati d’animo, arte e psiche tra Previati e Boccioni”, sostenuta con 80mila euro) e la Fondazione Museo nazionale dell’ebraismo italiano e della Shoa di Ferrara (Festa del libro ebraico 6mila euro).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *