Regione: “Piano casa” dopo terremoto

Sarà approvato definitivamente la prossima settimana il piano casa della Regione per ricostruire abitazioni ed edifici pubblici nelle zone dell’Emilia colpite dal sisma di maggio. Nel pomeriggio di oggi si è tenuta la riunione del presidente dell’Emilia Romagna e commissario delegato per la ricostruzione, Vasco Errani, con i sindaci per fare il punto su come agire.
(Nel video: intervista a Vasco Errani, Presidente Regione Emilia-Romagna)

Cosa prevede il piano. Innanzitutto un contributo (potrebbero essere 100 euro mensili a persona, per un massimo di 6 persone a famiglia) da utilizzare per cercare in autonomia case o appartamenti in affitto. Sarebbe poi da eseguire un censimento delle case, attualmente vuote, che potrebbero essere affittate dagli sfollati tramite accordi particolari con i proprietari, in modo tale da occuparle per il tempo necessario a riparare le case danneggiate. La terza fase del piano prevede poi la sistemazione di chi è rimasto senza casa in “moduli” provvisori. Questo sempre in attesa della ricostruzione. Le prime due rate saranno coperte dai 2,5 miliardi di euro promessi per i prossimi tre anni, il resto sarà coperto dallo Stato.

Mentre la terra continua a tremare – è di ieri notte l’ultima scossa sismica – l’Emilia danneggiata continua a rimboccarsi le maniche. Ora è necessario fare partire i cantieri per la ricostruzione e consentire alla gente di tornare a lavorare. Ad oggi sono 33.583 – segnala la Protezione civile – le strutture controllate in regione con sopralluoghi di valutazione dell’agibilità post-sismica, e oltre il 30% è stato dichiarato inagibile. Il piano casa che sarà approvato la prossima settimana fa tirare un sospiro di sollievo ai sindaci del comuni colpiti.

[flv]http://telestense-view.4me.it/api/xpublisher/resources/weebopublisher/getContentDescriptor?clientId=telestense&contentId=29bdfa30-7480-4e08-a598-95957ef83687&channelType=STREAMHTTPFLASH[/flv]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *