I fiumi fanno paura: famiglie evacuate. Reno osservato speciale, innalzati gli argini ***VIDEO***

fiume reno pienaSono ore di attesa per il passaggio della piena del fiume Reno, osservato speciale in questo fine settimana di maltempo.

Protezione civile al lavoro per alzare gli argini, attivato il Centro Coordinamento Soccorsi in Prefettura a Ferrara, per fare il punto della situazione.

Il fiume Reno è esondato a Castel Maggiore nel bolognese e alcune famiglie sono state evacuate. Allerta maltempo rossa quella lanciata dall’agenzia regionale per la protezione civile e da Arpae fino a domenica compresa. Preoccupa il fiume che passa anche nel ferrarese, da Cento ad Argenta, dove è il grande osservato speciale.

La piena è attesa tra la notte di sabato e la mattinata di domenica. Trenta i volontari della Protezione civile al lavoro, ci racconta il Presidente del Coordinamento di Ferrara, Daniele Barbieri. Attivati a metà giornata, con i sacchi di sabbia è stato innalzato l’argine del Reno all’altezza di Gallo, e ora si sta monitorando la situazione.

piena fiume cento ponte vecchioIn via precauzionale e per garantire la massima sicurezza, il sindaco della città del Guercino, Fabrizio Toselli ha disposto la chiusura della passerella ciclopedonale che corre accanto al ponte Vecchio a Cento. Aperto il Cavo Napoleonico, che potrà così scaricare un cospicuo volume in Po, attualmente in grado di recepire acqua perché basso.

Nell’argentano, invece, il sindaco Antonio Fiorentini comunica che oltre al Reno sono sotto osservazione anche l’Idice e il Sillaro e, per la viabilità stradale, il ponte sul fiume Reno di Traghetto.

In mattinata, presieduto dal Prefetto di Ferrara, Michele Campanaro, è stato insediato poi il Centro Coordinamento Soccorsi, per fare il punto della situazione. Oltre ai sindaci e alle Forze dell’ordine, al tavolo c’erano i Vigili del Fuoco, i responsabili della protezione Civile della Regione Emilia Romagna, della Provincia e del Consorzio di Bonifica “Pianura di Ferrara”.

In regione, le piene di Enza, Secchia e Panaro sono transitate sul tratto vallivo con valori maggiori della soglia 2. Nel Bolognese disagi, anche nella periferia del capoluogo, per allagamenti con evacuazione di famiglie. Nel Reggiano una frana ha causato la chiusura di una provinciale. Le valli piacentine sono nella morsa del gelicidio. Nel Modenese, invece, è stato precauzionalmente chiuso un tratto della Via Emilia.

– Sabato 2 febbraio – ore 15 – Maltempo, i fiumi fanno paura. Reno osservato speciale

piena fiume (1)L’agenzia regionale per la protezione civile e Arpae elevano l’allerta maltempo in Emilia-Romagna segnalando criticità idraulica da bollino ‘rosso’ per la pianura emiliana orientale e la costa ferrarese già a partire da queste ore e per tutta la giornata di domani, 3 febbraio, fino alla mezzanotte.

Il nuovo bollettino segnala inoltre allerta arancione per criticità idraulica e idrogeologica, dunque per il pericolo di piene di fiumi, esondazioni e frane, in diversi settori del territorio emiliano. Le piene di Enza, Secchia e Panaro stanno transitando sul tratto vallivo con valori maggiori della soglia 2. La piena di Reno interessa in particolar modo l’asta principale di valle con superamenti della soglia 3.

Nel Bolognese disagi, anche nella periferia del capoluogo, per allagamenti con evacuazione di famiglie. Nel Reggiano una frana ha causato la chiusura di una provinciale. Le valli piacentine sono nella morsa del gelicidio. Nel Modenese è stato precauzionalmente chiuso un tratto della Via Emilia.

One thought on “I fiumi fanno paura: famiglie evacuate. Reno osservato speciale, innalzati gli argini ***VIDEO***

  • 04/02/2019 in 20:19
    Permalink

    SALVE A TUTTI sono frederice non sono italiano ma abito qui fino da piccolo spero potrete capire la mia scrittura VI VGLIO INFORMARE SU UN . FATTORE CHE MI SONO DOMANDATO mille volte e conosco molto bene aflussi e tutto per passione SAPETE TUTTI CHE IL RENO INCOMINCIA ESATTAMENTE AL CENTRALE .idroELETTRICA SUVIANA E MI SONO CHESTO NON PER SPAVENTARE NESSUNO MA NON E CHE SU ANNO APERTO LE PARATIE DI EMERGENZA I TUTTI I CASI SU CI SONO CREDO 2 / 3 DIGE e altri aflussi e altre piccole in mezzo al reno di divieto di acesso come giusto nelle norme di in . genieria idraulica per frenare la flusso ho scorrimento E UN BOTTO DI TUBIO E INVASI DOVE AFFLUIRE IL FIUME GIORNO E SERA CENTRAI DI DRENAGGIO ponpaggio e non MI SONO CHESTO IN 2 MODI SE E POSSIBILE CHE IL PRIMO FATTORE E CHE ANNO AVUTRO PROBLEMI DI INVASO E DA PARTE DI ESPERIMENTAZIONE TERMO NUCLEARE E GLI INVASI ANNO TRACIMato O STAVAN PER TRACIMARE HO PER CAUSE NATURALI NEL FLUSSO DELLA DIGAIN FLUSSO NATURALE DI PIENA QUIALE E la VERITA verità QUEL CASINO LI VENE DA MONTE NON VENE FUORI COSI SU LA PILOTANO TUTTO IO SO BENE LE 2 ANZI VARIE CHE CI SONO HO SOPRATUTTO SUVIANA BRASIMONE ECCO PERCHE QUESTO DISASTRO ANNO DOVUTO APRIRE L INVASI I FONDI DI SCARICO DI TUTTE LE DIGE COMUNICANTI AQUESTORA NON SAREBBE QUESTO CASINO A VALLE MA EMEGLIO COSI PERCHE FORSE loro errore ho DI ESPERIMETI HO CAUSE NATURALI SECONDO ME MEGLIO COSI ANNO DOVUTO FARE LA SU A MONTE SECONDO ME COSI PER EVITARE LA TRAGEDIA ANCHE SE SI E EVULUTA con UN MARE NELLE CAMPAGNE un disastro per tutto chi mi sa dire meglio grazie

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *