Riccione candida la propria spiaggia a Patrimonio dell’Unesco

E’ stata costituita a Riccione l’associazione per lanciare la candidatura della spiaggia a patrimonio dell’Unesco dopo che, lo scorso febbraio, il consiglio comunale della città romagnola aveva approvato all’unanimità – mettendo d’accordo maggioranza e opposizione – l’ordine del giorno a sostegno della candidatura dell’arenile e della sua identità come patrimonio immateriale e intangibile dell’umanità tutelata dall’ufficio delle Nazioni Unite. Lo riporta l’ANSA.

“La costituzione odierna da comitato ad associazione per lanciare la candidatura Unesco – scrive in una nota il sindaco, Renata Tosi – estende di fatto ben oltre i confini della nostra città la promozione dell’iter progettuale e di ricerca per il raggiungimento del prestigioso riconoscimento. Perché si badi bene – argomenta – la corsa partita da Riccione con il comitato promotore dell’iniziativa, oggi divenuto associazione aperta all’ingresso di ogni soggetto interessato, si rivolge a tutte le comunità della costa emiliano-romagnola, simili per identità e patrimonio”.

Nel dettaglio il piano ribattezzato ‘Identità di spiaggia-Processi di costruzione identitaria e consolidamento degli usi culturali e sociali dell’arenile a Riccione’ era stato lanciato negli scorsi mesi dalla Cooperativa Bagnini, Confcommercio, Cna e Cooperativa Bagnini Adriatica Riccione. Un progetto distinto in due fasi. La prima si è conclusa nel 2018 con ricerche di archivio e videointerviste a bagnini di prima generazione, portatori di saperi, o entrati recentemente nel settore, e a turisti di fascia d’età avanzata incentrate sulla storia del proprio stabilimento balneare e la vita di spiaggia. La seconda si concluderà ad inizio 2020, e verrà allargata ad altre categorie di residenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *