Rifiuti e calotte, dal 2018 la tariffa puntuale

cassonetti calotte heraIl primo gennaio 2018 scatta, a Ferrara, il nuovo sistema di tariffazione del servizio di raccolta rifiuti.

Si chiama tariffa puntuale, e il relativo regolamento è stato approvato lo scorso 20 dicembre dal Consiglio locale di ATERSIR (Agenzia Territoriale dell’Emilia Romagna per i servizi Idrici e i rifiuti).

Oggi è arrivata la ratifica, cioè il via libera, della Giunta comunale.

La tariffa, come è stato spiegato qualche giorno fa dal Sindaco Tagliani e dall’Assessore al bilancio Caterina Ferri, verrà calcolata tenendo conto, per il 74%, del numero di componenti di ciascun nucleo famigliare e della superficie dell’appartamento in cui abita; per il restante 26% – la cosiddetta quota variabile – del numero di volte in cui ciascun nucleo famigliare aprirà, usando la Carta Smeraldo, la calotta del bidone della raccolta indifferenziata, per svuotarvi propri rifiuti.

L’adozione del metodo delle calotte ha già fatto crescere fino al 70% la raccolta differenziata a Ferrara. Il prossimo anno comporterà un calo del costo complessivo della raccolta rifiuti pari a un milione e duecentomila euro. Le aziende, con il nuovo sistema di calcolo, potranno scaricare il costo dell’IVA, con un indubbio vantaggio in termini di liquidità. Sono alcune delle affermazioni contenute nelle due lettere che famiglie e imprese ferraresi riceveranno nei prossimi giorni, a firma del sindaco Tagliani e dell’assessore ai servizi ambientali Caterina Ferri.

La lettera rivolta alle famiglie indicherà il numero di svuotamenti concesso a ciascuna famiglia sarà commisurato la numero di componenti. Gli svuotamenti in eccesso comporteranno ciascuno un aumento della tariffa annua pari a 1 euro e 80 centesimi.

Un pensiero su “Rifiuti e calotte, dal 2018 la tariffa puntuale

  • 28/12/2017 in 21:36
    Permalink

    vogliamo dire anche che hera per quel che concerne la raccolta della carta e forse anche della plastica ha ridotto di gran lunga i giri ??? Quindi a risparmiare chi è? gli utenti o la multiutility???????
    Svegliaaaaaaaaaa

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *