Rifiuti dalla Puglia, sit-in della Lega Nord davanti all’inceneritore di Ferrara

2016-07-11-PHOTO-00000012Sit in di protesta della Lega Nord contro l’arrivo di migliaia di tonnellate di rifiuti dalla Puglia alla volta dell’inceneritore di via Diana a Ferrara. Attualmente l’impianto di smaltimento rifiuti pugliese, che si trova nei pressi di Brindisi, non è utilizzabile essendo stato sottoposto a sequestro dall’autorità giudiziaria nell’ambito di un’inchiesta sulla gestione dei rifiuti in Puglia. Quindi la richiesta accettata dalla Regione Emilia-Romagna di smaltire l’immondizia tra Ferrara e Bologna.

Un aiuto istituzionale? Bonaccini non scherzi, Ferrara non accoglierà i rifiuti della Puglia per permettere al Pd di sedare provvisoriamente le proprie lotte intestine” sottolinea Alan Fabbri, capogruppo della Lega Nord in Emilia Romagna mentre manifestava con il Movimento Giovani Padani, davanti al termovalorizzatore di Via Diana a Ferrara.  2016-07-11-PHOTO-00000010

Sarebbero 12mila le tonnellate di rifiuti in arrivo da Brindisi da metà luglio alla prima settimana dei settembre, aumentando quindi del 10% annuo la quantità di materiale incenerito. “La Lega Nord non ci sta, spiega Fabbri, daremo battaglia con altri sit-in ma anche in Regione. Non è una questione di natura ideologica, ma di genere ambientale, amministrativo e politico”.2016-07-11-PHOTO-00000014

Questione ambientale “E’ assurdo, continua Alan Fabbri “che gli enti locali, i cittadini ed Hera si impegnino in nome dell’ambiente, per poi bruciare della roba che viene da fuori Regione. “Non è giusto inoltre che le regioni virtuose debbano venir penalizzate da quelle non virtuose come la Puglia.

Questione amministrativa “Questo centralismo non ci sta bene, sottolinea Fabbri. Se alcune regioni non riescono a sistemare le loro questioni interne, legate a mafie varie, sequestri e problemi intestini che finiscono con il bloccare anche lo smaltimento dei rifiuti, non è giusto che ne paghino le conseguenze quelle regioni che invece fanno le cose per bene”.

Questione politica “Se Bonaccini vuole usare la questione rifiuti per mettere a tacere le voci fuori dal coro del suo partito con dei contentini a spese dei cittadini e mettere tutti d’accordo, devo dargli una brutta notizia: forse non si è accorto che il Pd ferrarese è del tutto spaccato sulla questione. E che la Lega Nord non molla”.2016-07-11-PHOTO-00000011

“Siamo pronti a combattere: faremo un sit-in ai primi arrivi dei rifiuti, e tuteleremo i cittadini e la loro salute, strettamente legata all’ambiente in cui vivono, in ogni sede”, conclude Fabbri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *