Rifiuti: differenziata in crescita nonostante la crisi

07 rifiuti differenziataSecondo i dati ARPA la percentuale 2012, nel territorio comunale, è stata pari a 52,1 punti. Il dato supera quello provinciale

Cresce la raccolta differenziata nel territorio ferrarese. Secondo il Report Rifiuti 2012 dell’Arpa, infatti, il comune di Ferrara si è attestato su una percentuale di raccolta differenziata pari al 52,1 %, dato che supera quello dell’intera provincia, che si è attestata al 48,8%.

Si conferma quindi un trend in crescita, mentre la quantità di rifiuti complessivamente gestita è diminuita in seguito alla crisi economica. Nel 2011, infatti, la somma tra rifiuti urbani indifferenziati e rifiuti urbani differenziati aveva raggiunto le 95.457 tonnellate, mentre nel 2012 questo dato si è fermato poco sopra le 93.279 tonnellate, con una riduzione complessiva di circa il 3%.

E’ da segnalare, inoltre, che il dato 2012 relativo alla raccolta differenziata del comune di Ferrara (52,1) ha superato quello di città che si trovano in province con dati molto alti (es. comune di Parma 50,1%, provincia di 60,1%).

Nel comune di Ferrara la raccolta differenziata, grazie all’impegno dei cittadini e delle attività produttive, è cresciuta di oltre 15 punti percentuali dal 2007 a oggi, con un aumento di quasi 2 punti percentuali rispetto al 2011. Questo risultato pone la città al terzo posto, quanto a percentuale d’incremento rispetto al 2011, dietro a Piacenza, Rimini e Modena.

Un altro dato interessante, riportato nel Rapporto ARPA, è costituito dalla rilevazione della destinazione finale dei rifiuti indifferenziati che negli ultimi 2 anni si è indirizzata (in linea con le direttive europee) verso una netta diminuzione dell’utilizzo delle discariche e un contenuto aumento dell’avvio a recupero energetico. Da rilevare che da anni, nel comune di Ferrara, non si fa più ricorso all’uso delle discariche.

Nel 2012 a Ferrara sono state raccolte oltre 800 tonnellate di Raee. Un quantità considerevole anche se in lieve flessione a causa della crisi, come emerge dal Rapporto RAEE del 2012. Si tratta di una raccolta importante alla quale sono dedicate continue iniziative. Infatti, ai primi di maggio sono stati collocati a Ferrara, all’esterno di Mediaworld, (centro commerciale Bennet), contenitori che accolgono piccoli RAEE come radio, rasoi, frullatori, orologi, cellulari, trapani, tastiere. Inoltre è previsto l’arrivo di contenitori più grandi che potranno accogliere, televisori, monitor, aspirapolvere, neon e altri piccoli elettrodomestici. I nuovi contenitori hi-tech, unici in Europa, si apriranno utilizzando la propria tessera sanitaria oppure il codice a barre stampato sulla bolletta dei rifiuti 2012. A quei cittadini che avranno partecipato più attivamente al progetto saranno riconosciuti benefit.

Il Report dell’ARPA evidenzia inoltre come il miglioramento qualitativo delle raccolte rappresenti un obiettivo fondamentale, poiché garantisce riduzione degli scarti provenienti dalla lavorazione dei rifiuti e un aumento degli introiti economici derivanti dalla vendita dei materiali e dai corrispettivi CONAI. Con i rifiuti raccolti in modo differenziato nel Comune di Ferrara si sono conseguiti, nel 2012, contributi per oltre 1,1 milioni di euro (+8% rispetto al 2011 e +32% rispetto al 2010). I ricavi ottenuti vanno in detrazione ai costi del servizio.

(a cura Ufficio Stampa Hera)

%CODE%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *