Rincari bollette e aumenti dei prezzi: nel 2017 quasi 1000 euro in più a famiglia

Un 2017 all’insegna dei rincari, tra bollette e prezzi al consumo le famiglie rischiano di spendere quasi 1000 euro in più all’anno.

Quasi mille euro in più all’anno, è quanto dovranno mettere in conto le famiglie italiane nel 2017 a seguito degli aumenti di prezzi e tariffe. I primi rincari, annunciati ieri, sono quelli che riguardano le bollette di luce e gas e scatteranno dal primo gennaio. Secondo quanto stabilito dall’Autorità per l’Energia, nell’abituale decisione trimestrale, dal primo gennaio la luce  registrerà un aumento dello 0,9% mentre per il gas l’aumento sarà del 4,7%. Il conto per la bolletta energetica, stando a quanto calcolato dalle associazioni dei consumatori, dovrebbe lievitare tra 30 e 50 euro.

Cogasme annunciato dalle associazioni dei consumatori nei giorni scorsi, non saranno solo luce e gas ad aumentare nel 2017, Solo dalla crescita dei prezzi a listino, arriverà un carico che, per il Codacons, sarà di 302 euro a famiglia. A questi andranno aggiunti i 150-200 euro che pagheremo per gli alimentari, aumenti che si ripercuoteranno anche nel settore della ristorazione (+28 euro). Per i trasporti (aerei, treni, taxi, mezzi pubblici, traghetti, ecc.) un nucleo familiare tipo – sottolineano i consumatori – dovrà affrontare una maggiore spesa pari a 64 euro, mentre viaggiare sulle autostrade comporterà un aggravio medio di 35 euro. Per i servizi bancari spenderemo 16 euro in più rispetto allo scorso anno. Torneranno a crescere anche le tariffe Rc auto, e assicurare una automobile costerà mediamente 10 euro in più.

Oltre alle bolletti, i rincari del settore energetico toccheranno anche i rifornimenti di carburante con un rincaro annuo pari a 175 euro a famiglia.
Costerà meno il canone Rai, che scende da 100 euro a 90 euro, mentre per scuole, mense, libri ed istruzione in generale la spesa media di un nucleo familiare salirà di 45 euro. Leggeri incrementi sono previsti anche per le spese sanitarie con 37 euro in più.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *