Riorganizzazione Sanità: il no di Rifondazione

“Nella conferenza socio sanitaria provinciale ha prevalso la tecnica sulla politica”. E’ una considerazione che viene pronunciata spesso negli ultimi mesi, ma Rifondazione Comunista di Ferrara ne è più che mai convinta.

Secondo il partito di cui Irene Bregola è segretaria provinciale, nel riorganizzare la sanità ferrarese è mancato il dialogo tra l’azienda USL e i politici. Il risultato per Rifondazione è negativo, perché gli ospedali di Comacchio e di Copparo ora sono a rischio.

Questo almeno secondo Rifondazione comunista, che scende in campo per difendere soprattutto il San Camillo. Lunedì 27 febbraio infatti PRC era in piazza a fianco di tutti i partiti e a tante associazioni della città lagunare.

Il nodo da sciogliere, sul quale Rifondazione chiede ulteriori accertamenti, è il futuro del pronto soccorso sia di Copparo che di Comacchio. Intanto, sul San Camillo, il capogruppo di Rifondazione in Regione, Roberto Sconciaforni, ha inoltrato un’interpellanza alla Giunta Errani.

[flv]rtmp://telestense.vod.weebo.it/vodservice/20120303_05.flv[/flv]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *