Rischio sismico: sotto controllo 2 aree sensibili

Fare prevenzione antisismica  vuol dire prefigurare i possibili scenari futuri legati al rischio sismico. Anche per questo il Comune di Ferrara all’indomani del terremoto, che il 20 maggio ha colpito l’Emilia e la città ha deciso di  rinforzare la rete microsismica comunale  tenendo  sottocontrollo  due aree  particolarmente sensibili della città come  sono il Polo ospedaliero di Cona e il Polo Chimico. Il monitoraggio, dice l’Assessore all’Ambiente, Rossella Zadro, si collega con un progetto di raccolta dati che vede con il Comune   anche l’Università di Bologna.

[flv]http://telestense-view.4me.it/api/xpublisher/resources/weebopublisher/getContentDescriptor?clientId=telestense&contentId=e9c97840-b9dd-42b5-af7f-b6e4035d46e5&channelType=STREAMHTTPFLASH[/flv]

Un pensiero su “Rischio sismico: sotto controllo 2 aree sensibili

  • 12/09/2012 in 21:00
    Permalink

    mi fa piacere che vengano tenute sotto controllo queste due aree.
    SAREBBE ANCORA PIù BELLO DESTINARE RISORSE PER LA MESSA IN SICUREZZA DEGLI EDIFICI, DELLE CASE SIA PUBBLICI CHE PRIVATI…METTER A DISPOSIZIONE DEI FONDI..

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *