Undicenne scomparso ritrovato a P.Garibaldi: sta bene

Impaurito ed affamato, lo hanno trovato così domenica sera attorno alle 21 nell’area giochi del Bagno Bologna a Porto Garibaldi.

A segnalare la presenza di un bambino dalla forte somiglianza a quello scomparso, le cui fotografie erano state diffuse poche ore prima dai telegiornali, è stato il titolare dello stabilimento che ha chiamato subito i carabinieri.

Una chiamata che ha riacceso le speranza dei famigliari e delle forze dell’ordine che da venerdì stavano setacciando il territorio attorno a Mirandola da dove un bambino pakistano di 11 anni era scomparso.

Il bambino, pare si sia allontanato da casa a seguito di un litigio con gli zii con cui vive e a cui è stato affidato. L’allarme è scattato venerdì sera quando i parenti, non vedendolo rientrare, e non avendone notizie, ne hanno denunciato la scomparsa.

Dopo un giorno e mezzo di incessanti ricerche domenica mattina gli inquirenti hanno deciso di diffondere la foto del bambino. Una iniziativa che ha avuto successo, perché grazie a quella foto il bimbo è stato ritrovato.

Quando i carabinieri sono arrivati sul posto della segnalazione e hanno avvicinato il bambino, si sono immediatamente resi conto che era impaurito e, dopo averlo tranquillizzato, lo hanno portato presso la Caserma di Porto Garibaldi dove, comunicando con i colleghi di Mirandola, hanno avuto conferma che si trattava proprio del piccolo pakistano di 11 anni che era ricercato su tutto il territorio nazionale da venerdì scorso. Una volta in Caserma, i militari hanno accudito e tranquillizzato il piccolo, giocando con lui ed esaudendo la sua richiesta poiché, visibilmente affamato, ha chiesto di mangiare una pizza ed un gelato. Le sue condizioni di salute da subito non hanno destato preoccupazione e su disposizione dell’Autorità Giudiziaria dei Minori di Bologna, il piccolo è stato affidato ai servizi sociali del territorio, in attesa che vengano acclarati tutti gli aspetti relativi alle motivazioni dell’allontanamento ed alla permanenza sul territorio ferrarese, non trascurando la possibilità che sia stato aiutato da qualcuno nel corso di queste giornate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *