Rudy Magagnoli si racconta

Il podista ferrarese racconta tutta la sua lunga carriera

-Da quanto tempo fai atletica?
Ho iniziato con le prime mini camminate sù strada nel marzo del 1987,non ero ancora 12enne…ma con l’atletica in pista direi nel 1990 quando corsi un 1000 in pista in 2’58.
-Da quanto tempo frequenti il campo scuola?
Il campo scuola ho iniziato a frequentarlo nel 1994, anno in cui mi tesserai col Cus Fe sotto la guida tecnica di Magnani.Da lí cominciai a venire con l’autobus da Decima al campo scuola per allenarmi col gruppo ferrarese che allora era tra i più forti dell’Emilia Romagna
-Com’era l’atletica ai tuoi inizi? Com’è ora e come pensi sarà in futuro?
Agli inizi ho vissuto l’atletica come un gioco per passare del tempo extra scolastico con ragazzi/e della mia età, ma già si notava una certa predisposizione da parte mia al sacrificio e al desiderio di superarmi e superare gli avversari,infatti nell’89 arrivò il mio primo titolo regionale UISP di corsa campestre.
L’atletica ora è come era allora se interpretata nel modo giusto naturalmente…purtroppo però ci sono sempre meno giovani che hanno voglia di mettersi in gioco e scoprire i propri limiti atletici!Ma è anche vero che a quei tempi c’era più reclutamento nelle scuole da parte di personaggi sportivi dotati di carisma.
-Com’è cambiato il campo scuola in questi anni?
L’aspetto del campo scuola e la vita stessa all’interno di esso sono cambiate diverse volte nel tempo con le varie gestioni che si sono susseguite.Devo dire la verità,i periodi in cui esteticamente l’ho visto più rigoglioso sono stati nella gestione di Nava e quella attuale.Mentre riguardo la “vita” in esso,l’orario in cui lo frequento io di certo non è quello di punta…ma ricordo che nel periodo Nava venivano diverse persone over 60 che si fermavano nel prato esterno alla pista a fare 2 chiacchiere o a giocare a carte,e nel mentre mi facevano compagnía durante le mie sedute più dure!
-Raccontaci di te, prospettive, sogni, traguardi?
Diciamo che la corsa ha fatto da sempre parte della mia vita,ma una svolta c’è stata nel 2006 dopo la perdita del mio migliore amico/compagno d’allenamenti/atleta a cui mi ispiravo per migliorarmi/avversario/confidente..insomma,la persona con cui passavo tanto tempo insieme,Gianni Gilli.
Mi fermai a ragionare sù cosa mi rendesse veramente felice visto che avevo perso un gran pezzo della mia vita in quel momento,e naturalmente (ma non scontato) la risposta fù proprio la corsa!
Quindi a fine 2007 mi licenziai dal mio lavoro che era in un supermercato a Cento dopo 7 anni,e cercai un lavoro da coniugare alla corsa.Cosa che mi riuscì nel 2008 quando la Nike mi scelse come informatore del prodotto nei negozi del centro/nord Italia.Ma dopo 2 anni mi resi conto che la mia esperienza sarebbe stata molto più utile aprendo un negozio running a Ferrara.
Riguardo a prospettive,sogni e traguardi…bè,sportivamente parlando diciamo che i mei PB credo non siano più ritoccabili essendo ormai 42enne,e obiettivamente sono già risultati di livello medio/alto,ma in ogni caso da qualche anno (7 per l’esattezza) faccio parte della fascia master dove mi stò divertendo parecchio e stò scoprendo un mondo parallelo a quello elite altrettanto stimolante,anzi direi quasi una seconda giovinezza atletica!
Quindi ora i sogni e i traguardi saranno dirottati nella vita extra sportiva,lavoro e affetti.
-Perché secondo te è utile utilizzare una pista di atletica?
Frequentare il campo scuola credo sia una fortuna tutto sommato,qualsiasi sia la disciplina a cui uno si vuole avvicinare.E dico fortuna perché ti permette di entrare in un’altra dimensione e di uscire dalla quotidianità,in più si impara a conoscere il proprio corpo rispettandolo e per chi ci mette un po’ di ambizione…si ha la possibilità di scoprire i propri limiti fisici!
-Quali sono i tuoi record?
800 (1’58″5)
1500 (3’52″5)
3000 (8’17″9)
5000 (14’23)
3000siepi (8’57″5)
10000 (30’12)
21097 (1h05’25)
42195 (2h25’50)
-Puoi salutarci con una tua citazione preferita?
Mi congederei con questa citazione “ciò che no ti uccide ti fortifica”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *