Ruina: corpo di donna adesso ha un’identità

carabinieri-copparoHa un nome il corpo senza vita della donna, recuperato il 22 gennaio scorso, nelle acque della golena del fiume Po, all’altezza della località Borgo Mola di Ruina.

Si tratta di A.P. 76 anni, vedova, di origini lombarde che, nei primi giorni del mese di novembre 2012, si era allontanata da casa, lasciando ai famigliari due biglietti in cui annunciava di volere farla finita.

Le indagini che hanno portato all’identificazione del cadavere, sono state condotte dai carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Ferrara, in collaborazione con i militari della Compagnia di Copparo e del Ris di Parma.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *