S. Agostino, il recupero dell’archivio storico

Il Municipio di sant’Agostino è diventato il simbolo del terremoto in Emilia. Da settimane si sta tentando di recuperare più reperti storici possibile.

Dopo il salvataggio spettacolare del lampadario di Italo Balbo, ora c’è l’archivio storico del comune di sant’Agostino da salvare.
Oggi poco dopo mezzogiorno, gli uomini del nucleo speleo alpino fluviale SAF dei vigili del fuoco sono saliti sul tetto del Municipio pericolante. Dopo aver ricevuto l’ok, i vigili, legati per motivi di sicurezza a una gru, hanno iniziato a bucare la copertura a colpi di martello.

Creeranno dei fori di tre metri per tre per far entrare, tramite una gru, delle vere e proprie zattere dove verranno caricati i faldoni dell’archivio che sarà poi trasferito nella villa Rabboni, a fianco della biblioteca di sant’Agostino.

L’intera operazione dovrebbe durare circa 10 giorni, sperando che non piova. L’obiettivo infatti è mantenere asciutti i faldoni per non rovinarli.

Finita questa fase, il Municipio di sant’Agostino lesionato dal terremoto dovrebbe essere abbattuto definitivamente, la prossima settimana.  Il sindaco Fabrizio Toselli aveva chiesto di abbatterlo subito per poter riaprire la zona rossa che sta paralizzando il paese.

Ma la decisione finale non spetta solo al comune. Dopo un incontro tra il primo cittadino e la soprintendenza, si è deciso per il recupero dell’archivio e poi la demolizione.

Intanto proseguono anche i lavori per decidere il futuro del campanile della chiesa di sant’Agostino. Oggi una ditta specializzata di Perugia era all’opera per studiare lo stato della struttura e per vagliare lo spessore dei muri. Questo servirà ai progettisti che dovranno capire se si potrà recuperare o no il campanile.

[flv]http://telestense-view.4me.it/api/xpublisher/resources/weebopublisher/getContentDescriptor?clientId=telestense&contentId=1f7db06a-9bc0-439b-865f-53729332760a&channelType=STREAMHTTPFLASH[/flv]

One thought on “S. Agostino, il recupero dell’archivio storico

  • 11/07/2012 in 16:54
    Permalink

    Molto importante provvedere al salvataggio della memoria della Comunità, anche le carte meritano attenzione e cura.Speriamo che tutto si sia svolto nel migliore dei modi.
    Vincenzo Tedesco
    archivista
    Chieri TO

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *