S.Camillo: da Errani poche speranze-INTERVISTE

Errani prefetturaSi è concluso nella tarda serata di ieri, alla presenza del Prefetto, del presidente della Regione, Vasco Errani con il suo sottosegretario Alfredo bertelli e l’assessore regionale alla Sanità, Carlo Lusenti, il preannunciato incontro tra i vertici della Regione Emilia Romagna e del Comune di Comacchio, sulla delicata questione della riconversione dell’Ospedale San Camillo di Comacchio in Casa della Salute.

In strada, davanti alla Prefettura, c’erano decine di manifestanti della Consulta San Camillo. All’interno del palazzo, riporta una nota, “dopo ampia e approfondita discussione le parti hanno preso atto della programmazione approvata in sede di Conferenza socio sanitaria del giugno 2013”: ovvero la trasformazione dell’ospedale San Camillo in casa della salute.

“Tuttavia”, continua, “si è ritenuto di approfondire diversi aspetti tecnici e di gestione sulla base dei quesiti posti durante l’incontro, in risposta ai quali il Direttore dell’Azienda USL riferirà al Presidente della Conferenza socio sanitaria ed al Sindaco di Comacchio”.

Sindaco Fabbri prima dell’incontro: “Spiegamento forze ordine alla G8”

%CODE%

Il tavolo istituzionale era infatti previsto per metter a confronto le posizioni di regione Emilia-Romagna e Comune di Comacchio per quanto rigurda il futuro del SanCamillo. Sul tavolo la riorganizzazione della rete ospedaliera che prevede la trasformazione dell’ospedale S.Camillo in Casa della Salute.errani

Un progetto che Comacchio, sindaco in testa, intende ‘rivedere’ attraverso una contro-proposta di riorganizzazione firmata dal primo cittadino, Marco Fabbri, dai capigruppo consiliari, di maggioranza ed opposizione, c’era anche il Pd, e appoggiato dalla Consulta, affinché si arrivi alla salvaguardia del S.Camillo. La consulta, rimasta fuori dal palazzo della Prefettura, ha poi condotto un sit-in dimostrativo e pacifico.

Per i comacchiesi “i tagli non devono riguardare solo il comune lagunare ma anche tutte le altre strutture ospedaliere, a partire da Cona, colpevole -secondo Comacchio- di accaparrarsi fondi e posti letto, a scapito delle piccole strutture ospedaliere” La richiesta di un incontro tra il Comune di Comacchio ed il Presidente Errani era partita 2 anni fa: in questi mesi, in Viale Aldo Moro, a Bologna, sono arrivate sei richieste di incontro, firmate da tutto il consiglio comunale di Comacchio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *