S.P.A.L. – Spasmodica attesa, venduti 3.872 biglietti

Per il ritorno a casa e ammirare il nuovo Mazza, ma c’e anche l’Atalanta….

Ferrara aspetta il ritorno a casa della Spal dallo scorso 20 maggio, il giorno in cui Antenucci e compagni, dopo il successo, 3 a 1, sulla Sampdoria, festeggiarono la conquista di una meritatissima salvezza. Poi tre mesi di astinenza, tra ferie e attesa della conclusione dei lavori del Mazza, che lunedì sera è pronto a riabbracciare la truppa di Semplici, rinforzata in tutti i reparti, ed i suoi tifosi che potrebbero sfiorare quota quindicimila. In città difficile trovare chi in questi mesi almeno una capatina dalle parti di corso Piave non l’abbia fatta, rimanendo a bocca aperte nel vedere la mole di uomini e mezzi che hanno portato a termine una vera e propria impresa, per celerità e per qualità con cui hanno concluso l’opera di adeguamento alle esigenze del calcio di oggi di un impianto che mercoledì compirà novanta anni. Ma, dopo aver scrutato ogni angolo e novità del vecchio/nuovo Mazza, tutti i pensieri dovranno essere rivolti alla partita che, per quello che abbiamo potuto constatare, si disputerà su un manto erboso all’altezza della bellezza delle quattro tribune che lo circondano a due passi. Semplici avrà il compito di far concentrare i suoi esclusivamente sulla DEA, che arriverà a Ferrara affamata di rivincite, dopo la batosta psicologicamente logica maturata in seguito all’amaro epilogo, dal dischetto, della sfida di Europa League a Copenaghen. Prevedibile il furore con cui Papu Gonez e soci affronteranno la sfida del Mazza. Organico di valore assoluto quello a disposizione di Gasperini, con alternative in tutti i reparti, proprio perché assemblato con l’intento di affrontare campionato e coppe con grandi ambizioni. Sfuggito il primo obiettivo a Bergamo ora puntano decisamente alla conquista di un posto in Europa per riprovare a percorrere a lungo la strada nella competizione continentale la prossima stagione. Per la Spal forse meglio affrontare un avversario di primo piano, così correndo meno rischi di farsi distrarre da quello che lunedì sera sarà l’affascinante ed emozionante impatto con la sua nuova casa. Poi ci saranno i quattro ex, due in campo Kurtic e Petagna e altrettanti in panchina Floccari e Paloschi ad essere spinti da ulteriori motivazioni. Per il resto Semplici dovrebbe riproporre la squadra che ha ottimante figurato in questo avvio di stagione, con un dubbio in difesa tra Felipe e Djourou e probabilmente l’inserimeanto nell’undici iniziale di Valdifiori, anche perché Schiattarella, in questo periodo, non si è potuto, allenare con continuità. Inutile ribadire che ci si aspetta il tutto esaurito o quasi ed i dati delle prevendite sembrano andare verso questa direzione, visto che sono già 3.872(oltre gli 8.474 abbonati), di cui 670 tifosi nerazzurri, gli appassionati che si sono assicurati i tagliandi per poter partecipare ad una serata che rimarrà nella storia di Ferrara, non solo quella sportiva e questo per merito di Spal, Comune e tutti i lavoratori che questa estate hanno rinunciato a ferie e tante ore di sonno e riposo.

Un pensiero su “S.P.A.L. – Spasmodica attesa, venduti 3.872 biglietti

  • 15/09/2018 in 21:11
    Permalink

    Spero che il nuovo retailing dello stadio mazza sia anche di buon auspicio per una favolosa vittoria per la mia squadra del cuore ovvero grande spal

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *