S. Rocco, parcheggiatore abusivo violenta donna di 48 anni. Arrestato dalla polizia di stato

Ogbonna Anayo Batholomew
Ogbonna Anayo Batholomew

Attimi di vero terrore questa mattina nel parcheggio di San Rocco. In una delle aree che portano al vecchio Sant’Anna una donna è stata vittima di una violenza subita da parte di un parcheggiatore abusivo.

Ecco i fatti. Sono passati pochi minuti dopo e 11. La donna scende dalla sua auto e si accinge a pagare il biglietto per la sosta nel parcheggio.

Vicino alla macchina dei ticket tuttavia ci sta un uomo, un parcheggiatore abusivo. Uno dei tanti che ci sono spesso nei parcheggi della città. Alla vista della donna le si avvicina e la blocca prendendole un braccio. Le accarezza la schiena e alle orecchie le sussurra: “Lo faccio solo perché sei bella, molto bella”.

A quel punto la vittima tenta di svincolarsi ma l’uomo non la lascia libera. Una scena a cui altri clienti del parcheggio assistono basiti. Alcuni non si capacitano nemmeno di quanto sta succedendo.

La vittima allora reagisce e lui tenendola ancora bloccata al braccio la strattona per diversi metri. E’ a quel punto che le chiede soldi. “Dammi del denaro” le dice con forza, e aggiunge:”Ho visto che ne hai!”.

A quel punto la vittima riesce a divincolarsi e corre in fretta e furia dentro l’abitacolo della sua auto. Qui dopo aver messo la sicura, chiama subito il 113. Una volante della polizia per fortuna è nei paraggi. Sta effettuando il servizio di monitoraggio previsto dalla questura.

La volante si precipita nel parcheggio in men che non si dica. Trova la donna scossa dentro la sua auto. Alla prima volante della polizia di stato ne sopraggiunge una seconda che raggiunge l’uomo e lo ferma.

Lui è Ogbonna Anayo Bathlomew, un nigeriano di 35 anni, in Italia con regolare permesso di soggiorno per lavoro, era già noto alle forze dell’ordine. Alla vista dei poliziotti l’uomo reagisce e cerca di fuggire ma gli agenti lo arrestano.

Ora dovrà rispondere di violenza sessuale e resistenza a pubblico ufficiale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *