SALERNITANA – SPAL 0-0

Meritato pareggio con brivido finale, quando Di Tacchio calcia sopra la traversa un rigore concesso da Irrati, dopo un dubbio contatto tra Anderson e Berisha che, dopo sette gare, torna a mantenere inviolata la sua porta, nella serata in cui Marino ha riproposto la difesa a tre, Okoli-Vicari-Ranieri. Gara poco spettacolare e emozioni con il contagocce, ma le occasioni migliori sono state di Paloschi e Segre. Spal ottava a 38 punti e due lunghezze da difendere sul Pisa per restare nei play-off. Sabato altro test, per capire se si avvicina la svolta, a Pescara

SALERNITANA: Adaminis; Aya, Gyomber, Veseli; Casasola, Coulibaly(72′ Anderson), Di Tacchio, Kiyine (46′ Capezzi), Jaroszynski (72′ Durmisi),Tutino (86′ Cicerelli), Djuric (72′ Gondo). A disp. Micai, Mantovani, Sy, Bogdan, Boultam, Kristoffersen, Kupisz, Schiavone. All CastorI

SPAL; Berisha; Okoli, Vicari, Ranieri (90′ Tomovic) Sernicola, Segre, Esposito, Valoti (86′ Murgia), Sala (81′ Dickmann); Asencio, Paloschi (86′ Di Francesco). A disp. Thiam, Gomis, Floccari, Moro, Spaltro, Tumminello. All. Marino


19′ Salernitana vicino al vantaggio con una girata di Aya che non trova lo specchio della porta.

28′ Punizione dal limite di Esposito che termina alta sopra la traversa.

45′ Destro di Asencio che impegna Adamonis.

45′ Paloschi da distanza ravvicinata non trova la deviazione vincente, vanificando un pregevole assist di Sala.

66′ Sala da fuori impegna il portiere avversario che non si fa sorprendere.

75′ Adamonis compie un grande intervento impedendo alla deviazione aerea di Segre di terminare la corsa in rete.

88′ Occasionissima sprecata per la Salernitana con un rigore calciato altissimo da Di Tacchio., concesso da Irrati per un dubbio contatto tra Berisha e Anderson. I Dubbi sono tanti e le proteste degli spallihi giustificate

92′ Berisha blocca su Casasola.

95 Gndo prova a saltare Sernicola, probabile tocco con un braccio. questa volta, forse giustamente si lamentano i padroni di casa. Sensazioni: due interpretazioni”errate di Irrati”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *