Salvato dopo tentato suicidio, gli chiedono di pagare ticket

118-ambulanza-pp

Ha tentato di suicidarsi, e una volta salvato dai sanitari a Ferrara ha ricevuto la richiesta di pagamento del ticket per l’intervento d’urgenza.

Sulla questione è intervenuto d’ufficio – eventualità che si verifica solo in casi macroscopici – il difensore civico della Regione Emilia-Romagna, figura di garanzia che aiuta la cittadinanza in caso di disfunzione amministrativa, che è riuscito a far annullare il pagamento. A raccontarlo il nuovo ‘ombudsman’ Gianluca Gardini.

(ANSA)

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *