Salvini a Ferrara: botta e risposta tra Modonesi e Fabbri

Modonesi“Matteo Salvini viene a Ferrara per convocare un comizio elettorale, non come Ministro dell’Interno”. A sostenerlo è il candidato sindaco di centro-sinistra Aldo Modonesi che in un comunicato sottolinea che Salvini viene per la prima volta a Ferrara da quando, ormai un anno fa, il governo si è insediato, e non chiede un confronto con le Istituzioni locali né con i rappresentanti del Governo nazionale sul territorio.

Secondo Modonesi, se Salvini venisse fa Ministro dell’Interno o da Vicepremier dovrebbe parlare dell’aumento del debito pubblico, del prezzo dei carburanti a cui non sono state tolte le accise, di flop dei rimpatri. Critiche inoltre anche sul decreto sicurezza, sulle discriminazioni e su altre politiche che il candidato sindaco di centro-sinistra ritene relative ad un leader della Lega ma non ad un vicepremier.

Il candidato di centro-destra Alan Fabbri controbatte sostenendo che queste affermazioni suonano ridicole in bocca all’assessore alla sicurezza di una città lasciata a se stessa, precipitata nel degrado e divenuta in molti quartieri ostaggio della criminalità.

Fabbri aggiunge che cercherà di riportare decoro e sicurezza utilizzando tutti gli strumenti che le nuovi leggi mettono a disposizione del sindaco, sarà aperto a tutti i contributi e lavorerà per un fine comune: riportare Ferrara al livello di sicurezza e benessere che merita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *