Ospedale San Camillo: documento-proposta che forze politiche presenteranno a Errani

Ospedale San Camillo

COMUNICATO CONGIUNTO DELLE FORZE POLITICHE CHE HANNO PARTECIPATO ALL’ULTIMA SEDUTA DELLA COMMISSIONE SPECIALE SANITA’, CHE SI E’ SVOLTA IL 5 NOVEMBRE SCORSO

“Per ribadire l’unità di intenti delle forze politiche che hanno partecipato all’ultima Commissione Speciale Sanità e per rimarcare che nessuna manovra di tipo politico può indebolire tale coesione, viene qui riportata la PROPOSTA DI RIMODULAZIONE DEL SAN CAMILLO DELLA COMMISSIONE SPECIALE SANITA’.

Prendendo atto delle minori risorse disponibili a valere sulla sanità, la Commissione elabora una proposta alternativa rispetto a quella approvata in netto contrasto con il protocollo di intesa del 2006. Tale ipotesi dovrà essere discussa ed eventualmente recepita con atto formale da parte degli stessi attori sottoscrittori dei precedenti accordi.

I punti cardine Mantenimento del concetto di rete integrata dei servizi ospedalieri del San Camillo con quelli del Delta; Riduzione degli attuali posti letto previsti da n. 59 a n. 40 di cui n. 35 per lungodegenza e n. 5 di day surgery chirurgia ambulatoriale del distretto, ciò in considerazione del fatto che il taglio proposto (da 59 a 15/20) non è linea con quello applicato alle altre strutture ospedaliere della Provincia e quindi è necessario ripristinare un principio “solidaristico”, che equipari tutte le comunità ferraresi; Superamento del punto di primo intervento con una apertura estiva h 24 (dal 1 Aprile Giugno al 30 sett

embre) e la presenza per i restanti mesi dell’anno di una guardia medica h 24 e di una ambulanza del 118 ovvero privata convenzionata con l’Azienda; Mantenimento della diagnostica; Mantenimento di una polispecialistica ambulatoriale ciò in considerazione delle precedenti cospicue prestazioni erogate e della forte mobilità passiva verso Porto Viro e verso Santa Maria Maddalena; Realizzazione della pediatria di comunità Inserimento dei Pediatri di libera scelta (PLS) all’interno dei locali liberi presenti nello spazio “Centro Donna”, dove è già attiva la pediatria di comunità; Realizzazione della medicina di gruppo all’interno dell’attuale direzione sanitaria (MM6) in spazi non destinati all’attività ospedaliera ; Trasferimento dei servizi di igiene pubblica, veterinaria e degli ulteriori presenti Migliarino con ricollocazione al piano ribassato ovvero nella ex farmacia, la cui ristrutturazione potrebbe avvenire CON IL CONTRIBUTO del Comune di Comacchio”.

(MOVIMENTO 5 STELLE, L’Onda, Pdl-Il Faro, Centro Sinistra per Comacchio)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *