Sanità, Regione taglia liste d’attesa per i ricoveri: il piano – VIDEO

Arriva un nuovo Piano della Regione per tagliare le liste d’attesa per i ricoveri ospedalieri programmati. Sul tavolo, la giunta Bonaccini, mette 6 milioni di euro per assumere nuovo personale.

Ricoveri entro 30 giorni per le patologie oncologiche in almeno il 90% dei casi (percentuale oggi ferma al 71%). Stessa cosa per i casi più gravi, in cui siano richieste chemioterapia, coronarografia, angioplastica coronarica, tonsillectomia e altre prestazioni.

Sono gli obbiettivi che l’ Emilia-Romagna intende raggiungere entro la fine dell’anno per tagliare le liste di attesa per i ricoveri ospedalieri programmati con il nuovo piano regionale presentato in Viale Aldo Moro. Restando ovviamente l’intervento immediato nelle situazioni d’urgenza. Sul tavolo la giunta Bonaccini metterà 6 milioni di euro per assumere nuovo personale sanitario. “Un piano che segue quello che ha già portato, spiegano in Regione, ad azzerare o quasi le liste di attesa per le visite specialistiche e gli esami strumentali che oggi in Emilia-Romagna vengono garantiti entro i tempi previsti”. Un piano sul quale due anni fa la Regione aveva investito 10mln di euro per l’assunzione di 150 professionisti e con possibilità di erogare prestazioni nelle ore serali e nei fine settimana

Per raggiungere i nuovi obbiettivi le azienda sanitarie dovranno individuare un Responsabile Unico Aziendale (Rua) una figura che sarà garante della corretta gestione delle liste di attesa. Ma che si occuperà anche di controllare il rapporto tra interventi urgenti ed interventi programmati, e la correttezza della relazione fra attività libero professionale e attività istituzionale. Di rilevanza anche l’utilizzo della sale operatorie visto che la programmazione dovrà tener conto dei pazienti in attesa sfruttando la potenzialità offerta dal pieno utilizzo delle sale stesse

Il nuovo piano regionale, che prevede anche l’informatizzazione delle prenotazioni ed una applicazione che permetterà al paziente di monitorare la propria posizione in lista, si inserisce nell’ambito del riordino ospedaliero del nuovo S.Anna a Ferrara. Nei prossimi giorni a Cona “verranno attivate altre due sale operatorie ed inizieremo i reclutamenti di nuovo personale sanitario, a partire da 4 nuovi anestesisti” ha spiegato Tiziano Carradori, Direttore Generale del S.Anna. Bisognerà attendere invece fine mese per conoscere il nome del Responsabile Unico Aziendale che sarà scelto in accordo con l’Azienda Usl. Anche via Cassoli sta riorganizzando l’offerta chirurgica negli ospedali di Cento, Lagosanto, Argenta e, molto presto, anche a Comacchio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *