SAPPE: “Agente polizia aggredito in carcere a Ferrara”

Ancora un’aggressione alla polizia penitenziaria.

E’ avvenuto nel carcere di Ferrara, dove un detenuto avrebbe aggredito con un morso al polpaccio un agente della polizia penitenziaria.

A denunciare l’accaduto il sindacato degli agenti di Polizia penitenziaria SAPPE.

“È un fenomeno ormai molto diffuso nelle carceri italiane, tant’è che nel corso del 2019 sono state oltre 4500 a livello nazionale e oltre 6000 sono stati i comportamenti con i quali i detenuti hanno violato le norme che regolano la vita nelle carceri”.

“La polizia penitenziaria è stanca di subire continue aggressioni” – affermano Giovanni Battista Durante, segretario generale aggiunto de SAPPe e Francesco Campobasso, segretario nazionale- “e attendiamo che il capo del Dipartimento emani la disposizione con la quale si rivede l’intera organizzazione degli istituti, eliminando la vigilanza dinamica, che consente a tutti i detenuti di essere liberi durante il giorno, senza distinzione tra coloro che rispettano le regole e quanti, invece, le infrangono. Speriamo che anche questa volta il vertice politico non la blocchi, com’è già avvenuto lo scorso anno”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *