Sbloccato anche il Bonus Nido da mille euro, si potrà richiedere dal 17 luglio


Dopo il Bonus Mamma in arrivo anche il Bonus Nido.

Il contributo previsto dalla finanziaria del 2017, che doveva essere erogabile già da inizio anno è stato finalmente sbloccato e le domande potranno essere inoltrate a partire dal 17 luglio.

C’è finalmente una data, il 17 luglio. A partire da quel giorno, con oltre 7 mesi di ritardo rispetto alle aspettative, si potranno inoltrare le domande per ottenere il bonus nido. 1000 euro, suddivisi in 11 rate da 91 euro, destinate alle famiglie di bambini nati, o adottati o in affido, a partire dal 1 gennaio 2016, che frequentano l’asilo nido. A corredo della domanda infatti dovrà essere presentato un attestato di frequenza della struttura, pubblica o privata, mentre non è previsto un limite di reddito. Il bonus è destinato a residenti in Italia, cittadini italiani o comunitari, o in possesso del permesso di soggiorno di lungo periodo. Ai cittadini italiani, per tale beneficio, sono equiparati i cittadini stranieri aventi lo status di rifugiato politico o lo status di protezione sussidiaria.

A fare la domanda, sul porta Insp on line, chiamando il numero verde 803.164, o attraverso un patronato, dovrà essere colui che ha affrontato l’onere della spesa per quanto concerne l’asilo nido.
Trattandosi di norma di prima applicazione, il primo pagamento comprenderà l’importo delle mensilità documentate sino a quel momento maturate. A partire dal mese successivo a quello di rilascio della procedura, il pagamento avrà cadenza mensile.
Per l’anno 2017 lo Stato ha messo a bilancio per questo bonus 144 milioni di euro.

Oltre a questo contributo, nel 2017, a sostegno delle famiglie e delle mamme sono stati erogati il Bonus Mamma Domani, 800 euro una tanto per chi è diventata mamma quest’anno, il bonus Bebè, 80 euro al mese per 3 anni per i nati a partire dal 2015 e i voucher nido e babysitting, fino a 600 euro al mese per chi rinuncia al congedo parentale e rientra al lavoro subito dopo la maternità obbligatoria.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *