Tragedie sulle strade, due morti in due giorni

Incidente

Schianto sulla A13, 32enne muore carbonizzato. All’origine dell’incidente forse un colpo di sonno. È ancora da chiarire invece la dinamica del frontale che è costato la vita ad poliziotto di 54 anni, avvenuto ieri a Codigoro.

Tragico incidente attorno alle 2 di questa notte sulla A13 all’altezza di Poggio Renatico.

Dino Foggia, 32enne originario di Trieste ma residente a Forlì, è morto imprigionato nella sua auto che ha preso fuoco. Stando alla prima ricostruzione degli Agenti della Polstrada di Altedo, il giovane avrebbe perso il controllo della sua Subaru Legacy finita prima contro il newjersey centrale, poi contro il guardrail, infine si è capottata ed ha preso fuoco. Una trappola mortale per il 32enne che non ha avuto scampo, all’arrivo dei vigili del fuoco e dei medici del 118 era già privo di vita.

IncidentePer consentire l’intervento dei soccorsi e la rimozione della vettura il tratto della A13 compreso tra Altedo e Ferrara Sud è stato chiuso fino alle 5 di questa mattina.

Due morti in due giorni sulle strade di Ferrara, ieri a perdere la vita, sulla Sp 53 Giampiero Marcucci, 54enne di Spoleto che si trovava a bordo della vettura del fratello che lavora come finanziere a Codigoro.

L’impatto frontale è avvenuto tra Lagosanto e Codigoro, con una macchina che procedeva in direzione opposta, e che era guidata da donna di 61 anni del posto. La dinamica è ancora al vaglio della Polizia municipale di Codigoro ma pare che l’impatto tra le due auto sia avvenuto mentre l’auto dei due fratelli stava svoltando in una strada perpendicolare alla Sp53. Per Giampiero Marcucci le ferite riportate nello scontro sono state fatali, trasportati invece all’Ospedale del Delta, non in gravi condizioni, sia il fratello della vittima che la 61enne.

Profondo cordoglio per la scomparsa del 54enne lo esprime il sindaco di Codigoro, Rita Cinti Luciani.

%CODE%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *