Sciopero contro chiusura: Romea bloccata per poco

servizi ospedalieri

Sciopero questa mattina per i dipendenti della Sevizi Ospedalieri, l’azienda che dovrebbe chiudere lo stabilimento di Porto Garibaldi. Un gruppo di lavoratori avrebbe anche bloccato il traffico sulla Romea per alcuni minuti.

Lavoratori della “Servizi Ospedalieri” in sciopero per protestare contro la chiusura dello stabilimento di Porto Garibaldi a partire dal 1° gennaio del 2014. 115 dipendenti infatti, quasi tutte donne, rischiano di trovarsi senza un lavoro.

Ha preso così il via il pacchetto delle 16 ore di sciopero indetto dai sindacati . Quattro ore di sciopero sono state effettuate dalle 7 alle 11 nello stabilimento “Servizi ospedalieri” in via Calvino a Ferrara, dove c’era anche un picchetto dei lavoratori.

Dalle 8 alle 11 invece hanno incrociato le braccia i dipendenti di Porto Garibaldi, poi usciti dallo stabilimento per fare volantinaggio al mercato di Comacchio per incontrare anche il sindaco Marco Fabbri in sala consiliare nella città lagunare. In questa fase un gruppo di lavoratori in sciopero avrebbe bloccato il traffico sulla Romea per alcuni minuti. 551379_548703625206873_63398638_n

Si surriscalda così la situazione della vertenza “Servizi Ospedalieri”: prossimo sciopero è previsto per lunedì 2 dicembre. I dipendenti di Porto Garibaldi con un pullman raggiungeranno lo stabilimento di Ferrara per protestare contro la chiusura.

Poi insieme prenderanno la direzione di Bologna per organizzare un presidio alle ore 14 sotto le torri della Regione Emilia-Romagna, dove poco dopo prenderà il via il tavolo con istituzioni, sindacati e dirigenza aziendale in cui si cercherà di scongiurare la chiusura di Porto Garibaldi e di ammorbidire la posizione della “Servizi Ospedalieri”. Intanto i sindacati stanno cercando di mobilitare anche altri territori in cui l’azienda ha delle imprese: assemblee sono previste nei siti di Teramo, Lucca e Catanzaro.

Un pensiero su “Sciopero contro chiusura: Romea bloccata per poco

  • 27/11/2013 in 21:01
    Permalink

    Sono grandi lavoratori ! Lotteranno fino all’ultimo x il loro posto di lavoro.Loro sono la storia di quella lavanderia,e……la storia deve continuare.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *