Sciopero “europeo” contro l’austerity

Centinaia di persone questa mattina hanno gremito piazza Municipale a Ferrara, una delle tante città italiane ed europee che hanno aderito allo sciopero generale di quattro ore indetto, in Italia, dalla Cgil.

Mentre nelle più grandi città del paese come Roma e Torino si sono registrati scontri violenti tra manifestanti e la Polizia, a Ferrara non è successo nulla di tutto questo.

La protesta si è svolta pacificamente e le parole più dure sono arrivate dal palco dove hanno parlato i rappresentanti delle categorie della Cgil ma anche sindacalisti provenienti dal vecchio continente.

Obiettivo della protesta i governi italiano ed europei, colpevoli a detta dei manifestanti di tagli lacrime e sangue troppo pesanti che avrebbero dato il via a un periodo di austerità.

Vicino a Ferrara, a Bologna dove si sono registrati diversi scontri, il segretario della Cisl Paolo Baiamonte ha denunciato un attacco con sassi e uova alla sede regionale del sindacato dove era in corso un convegno sugli Stati uniti di Europa. Cisl e Uil non hanno aderito allo sciopero generale.

[flv]http://telestense-view.4me.it/api/xpublisher/resources/weebopublisher/getContentDescriptor?clientId=telestense&contentId=35162009-ccc3-4700-affb-d7b63f8867af&channelType=STREAMHTTPFLASH[/flv]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *